LE RESTRIZIONI DEL DPCM

Antagonisti e ultras, chi ha acceso le proteste di piazza contro le misure del Governo: «Forse una regia comune»

Il questore di Torino: una regia di professionisti della violenza. Circolare del capo della Polizia Gabrielli: «Rischio di nuove strumentalizzazioni delle proteste»

Scontri nelle piazze, notte di incidenti

Il questore di Torino: una regia di professionisti della violenza. Circolare del capo della Polizia Gabrielli: «Rischio di nuove strumentalizzazioni delle proteste»


3' di lettura

Persone vicine al mondo dell’antagonismo e ultras e un’organizzazione partita sul web. Il giorno dopo la rivolta scoppiata nelle strade e piazze di alcune città italiane contro le nuove restrizioni decise dal governo per contenere la diffusione del Covid si delinea il volto dei protagonisti dei disordini e arrivano le prime denunce. L’attenzione del Viminale è alta e il capo della Polizia avverte che il rischio di una strumentalizzazione della protesta potrebbe ripetersi nelle manifestazioni dei prossimi giorni. L’ipotesi degli investigatori è che dietro ai disordini possa esserci una regia comune, con un collegamento tra gruppi ultrà di tutta Italia.

Disordini a Roma, alcuni fermati. Raggi: «Zero tolleranza»

Ci sono alcuni fermati per i disordini di martedì sera a piazza del Popolo durante una manifestazione anti Covid a cui partecipavano anche i leader di Forza Nuova Roberto Fiore e Giuliano Castellino. Lo si apprende da fonti di polizia. Dopo che erano stati accesi fumogeni ed esplose alcune bombe carta, le forze dell'ordine hanno caricato i manifestanti costringendoli a indietreggiare. «Guerriglia tra strade Roma non è accettabile. È momento delicato e difficile: violenza non è soluzione. Nessuna tolleranza verso chi vuole soffiare su fuoco disperazione». Così su Twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Loading...

A Milano 28 denunciati

Cominciano ad avere un volto le persone che a Torino come a Milano hanno distrutto e saccheggiato le vie del centro. Nel capoluogo lombardo sono state 28 le persone denunciate per danneggiamanto e violenza a pubblico ufficiale. Tredici sono minorenni, tra questi alcuni hanno piccoli precedenti e risultano vicini alle frange antagoniste. Diciotto sono italiani e dieci stranieri. Le 15 denunce a carico dei maggiorenni entreranno in un fascicolo della Procura di Milano insieme alle informative degli investigatori della Digos che lavoreranno sulle immagini della guerriglia per arrivare all'identificazione di altre persone. Gran parte degli under 18 sono italiani e alcuni vicini alle frange antagoniste.

«Professionisti della violenza»

Ultrà della Juventus e del Torino, mescolati a “professionisti della violenza”: sono questi i protagonisti degli scontri di lunedì sera secondo il questore Giuseppe De Matteis. «C'è stata una regia il cui obiettivo era piazza Castello, il cuore di Torino - spiega il questore - Hanno cercato in tutti i modi di allontanarci dalla piazza. Per due ore i nostri reparti sono stati fatti bersaglio di tutto, anche pietre e cubetti di porfido. Le cariche di alleggerimento hanno sortito effetto. Solo verso la fine, quando hanno capito che non avremmo lasciato piazza Castello, sono state effettuate manovre diversive». La mobilitazione, ha aggiunto, è partita sul web ed è stata « gestita da più organizzazioni o presunte tali». I l bilancio, al momento, parla di cinque arresti e due denunce per i saccheggi in via Roma, da Gucci e Louis Vuitton, e di un arresto e una denuncia per gli incendi di cassonetti e masserizie avvenuti in piazza Cavour e via San Massimo. L’attività investigativa degli inquirenti va avanti con verifiche tra delinquenti comuni, ultrà, esponenti dei centri sociali e antagonisti.

Circolare Gabrielli: rischio strumentalizzazione delle proteste

Ma nuove manifestazioni sono previste per i prossimi giorni e il capo della Polizia Franco Gabrielli, in una circolare a prefetti e questori, avverte: «Non si escludono da parte di gruppi estremisti, ovvero di categorie di facinorosi, tentativi di strumentalizzazione della protesta che potrebbero orientare il malumore dei settori economici maggiormente colpiti verso forme più incisive e violente di contestazione».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti