vacanze

Antitrust indaga su Caronte Tourist: «Prezzi alti per i traghetti sullo Stretto di Messina»

La società: «Il procedimento potrà acclarare la correttezza del sistema tariffario da noi praticato e riconoscere che le scelte effettuate comunque non danno luogo a nessun tipo di abuso»

Coronavirus, Fase 3: in vacanza solo il 54% degli italiani

La società: «Il procedimento potrà acclarare la correttezza del sistema tariffario da noi praticato e riconoscere che le scelte effettuate comunque non danno luogo a nessun tipo di abuso»


2' di lettura

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un'istruttoria nei confronti della società Caronte Tourist che svolge attività di traghettamento attraverso lo Stretto di Messina.

L'istruttoria è volta ad accertare se Caronte Tourist - operatore che si trova in posizione dominante nello Stretto di Messina nel trasporto marittimo di passeggeri con mezzi gommati al seguito e di mezzi commerciali con conducente e che si presenta quale monopolista di fatto sulla rotta Villa San Giovanni-Messina Rada San Francesco - applichi prezzi e condizioni contrattuali eccessivamente onerosi.

Prezzi alti e non proporzionati

Ad una prima analisi effettuata da parte dell'Autorità emergerebbe, in particolare, come Caronte Tourist pratichi prezzi alti e significativamente superiori rispetto a quelli praticati da altri operatori, oltretutto non parametrati rispetto agli ipotizzabili costi di svolgimento del servizio. Tali prezzi, inoltre, appaiono particolarmente discriminatori nei confronti dei passeggeri con auto al seguito che viaggiano da soli, giacché il prezzo pagato per un passaggio con auto risulta identico sia che a viaggiare sia un solo passeggero sia cinque.

La replica: «Il sistema tariffario è corretto»

“Abbiamo letto la delibera con cui l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un'istruttoria dedicata agli aspetti tariffari. Siamo certi che grazie al procedimento si potrà giungere a una decisione dell'autorità garante della concorrenza che potrà acclarare la correttezza del sistema tariffario da noi praticato e riconoscere che le scelte effettuate comunque non danno luogo a nessun tipo di abuso”.

Così la società commenta la comunicazione con cui l'Agcm ha reso noto che intende accertare se i prezzi e le condizioni contrattuali applicate dalla compagnia leader sullo Stretto possano essere ritenute eccessivamente onerose o eventualmente discriminatorie.

“Forniremo le risposte di dettaglio nel dialogo con l'Autorità. In questa fase - si legge in un comunicato della Caronte & Tourist - possiamo solo ricordare che la congruità delle tariffe praticate per l'attraversamento dello Stretto è stata a suo tempo certificata da uno studio specifico di due tra i massimi studiosi italiani, entrambi docenti della Luiss “Guido Carli” di Roma, basato sul raffronto sinottico tra tratte omogenee e soprattutto tra compagnie non destinatarie di contributi pubblici, come è notoriamente Caronte & Tourist”.

L'esposto del 2018 che sta alla base dell'istruttoria Agcm, invece, paragona le tariffe dello Stretto – «peraltro oggettivamente coerenti con quelle degli altri due vettori impegnati sulla stessa rotta tra Messina e la Calabria» – con quelle di una compagnia che opera in Sardegna e in regime di convenzione. C&T dunque si dichiara “certa e fiduciosa” che il procedimento avviato dalla Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato porti chiarezza.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti