hospitality

Aparthotel di lusso, Altido apre a Milano e investe 10 milioni in Italia

La società specializzata ha un giro d’affari di quasi 30 milioni e oltre 1.700 strutture gestite in Europa

di Paola Pierotti


default onloading pic
Altido Galleria a Milano

2' di lettura

Altido sceglie Milano per il suo primo«aparthotel» italiano. La nuova società specializzata nell’hospitality alternativa con un giro d’affari di quasi 30 milioni e oltre 1.700 strutture gestite in Europa (e con l’obiettivo di arrivare a 10mila nel triennio, in dieci Paesi e cento città) lancia in Italia una nuova tipologia di struttura ricettiva e apre le porte di Altido Galleria.

Progetto pilota grazie all’alleanza di Hintown (Italia), The London Resident Club (Regno Unito), Rent-Experience (Portogallo) e Bnb buddy (Scozia) con una sistemazione esclusiva che coniuga i comfort di un hotel d’alta gamma con la privacy e la riservatezza di un appartamento.

«Una soluzione smart e tecnologicamente innovativa – racconta Alberto Civelli, cofounder e head of real estate di Altido – sviluppata attraverso un progetto di riqualificazione: un ex ufficio di 700 mq in una delle zone più prestigiose di Milano è stato completamente ristrutturato con finalità ricettiva».

Il progetto, su cui sono stati investiti 750mila euro, è della società Rinnow!, interna al gruppo e specializzata nel design e nella fornitura di soluzioni di arredo e di tecnologie smart.

Non un hotel né un appartamento, ma dodici stanze di metratura variabile dai 27 ai 42 mq e arredate nei dettagli, oltre a corridoi, due aree lounge comuni e una reception a disposizione dalle 8.30 alle 22.30. Ci sono anche due suite con vista privilegiata sulla Galleria Vittorio Emanuele e sul Duomo.

La tecnologia porta in casa Altido anche u n’app sviluppata in collaborazione con Vikey, una delle start-up italiane di maggior successo per l’apertura da remoto e la gestione online del check-in.

«Utilizzando la web app – spiega Civelli - è inoltre possibile usufruire di svariati servizi come il transfer aeroportuale, cene gourmet, carta di vini e champagne con servizio in camera, il servizio lavanderia eccetera».

Un boutique hotel sperimentale per questo nuovo brand che guarda con interesse ad altre realtà italiane, dal lago di Como alla Liguria e Toscana. A Milano saranno recuperati altri immobili in via Torino e in zona Monte Rosa. Prenotabili su tutte le principali piattaforme online, le camere hanno un costo che parte da una base di 200 euro/notte per le standard in bassa stagione, fino a oltre 1.500 euro per le suite durante l’alta stagione.

«Il progetto Altido Galleria rappresenta una struttura ricettiva esclusiva e unica nel suo genere – dichiara Davide Ravalli, head of M&A e cofounder di Altido. Toccando tutte le fasi della filiera immobiliare, dalla progettazione fino alla gestione, puntiamo a sbloccare il potenziale di ogni tipologia di immobile e a replicare progetti in tutte le città europee».

Altido prevede di investire in Italia circa 10milioni nei prossimi due anni per attività di riqualificazione di immobili ad uso residenziale da destinare ad uso ricettivo. La società si presenta sul mercato come un partner per investimenti immobiliari con l’obiettivo di messa a reddito, coprendone tutte le fasi: dall’analisi della redditività dell’immobile al progetto di riqualificazione, fino alla gestione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...