Storia dell’informatica

Apple-I, l’antenato del Mac va all’asta: nato nel garage di Jobs, oggi vale 400mila dollari

Ancora funzionante, è l’unico esemplare con custodia in legno sopravvissuto dei 50 kit venduti nel 1976 da Jobs e Wozniak a un negozio di Palo Alto

di Antonio Larizza

Aggiornato il 10 novembre 2021 alle ore 00:23

L’Apple-I all’asta (foto John Moran Auctioneers)

2' di lettura

Un pezzo della storia dell’informatica è stato venduto all’asta in California. Si tratta di un esemplare dell’Apple-I, il computer assemblato a mano da Steve Jobs e Steve Wozniak intorno al 1976, nel garage di Jobs, considerato l’antenato del Mac.

L’esemplare è stato messo all’asta da John Moran Auctioneers - qui la pagina con tutti i dettagli - e stando a quanto riportato dalla stessa casa d’aste di Los Angeles martedì 9 ottobre alle 20,30 ora italiana è stato venduto per 400.000 dollari (il prezzo stimato alla vigilia dell’asta era compreso tra 400.000 e 600.000 dollari).

Loading...

Apple-I, l’atto di fondazione

Steve Jobs e Steve Wozniak vendettero un furgone Volkswagen (il primo) e una calcolatrice Hp 65 (il secondo) per mettere insieme poco più di 1.300 dollari, il capitale necessario per costruire i primi 50 Apple-I venduti al negozio di elettronica ByteShop di Mountain View. Di fatto, questo è considerato l’atto di fondazione della Apple. L’inizio dell’avventura che rivoluzionerà la storia del computer e non solo.

All’asta l’unico esemplare rimasto con custodia in legno

La macchina vintage messa all’asta è una rara versione di Apple-I con custodia in legno di acacia delle Hawaii, molto in voga negli anni ’70. Con questa custodia ne furono realizzate sei unità: quella messa all’asta è l’unica sopravvissuta.

Leggendo la storia di questo computer, si scopre che la speciale custodia in legno è stata aggiunta da Paul Terrell, il titolare del negozio ByteShop, di fatto il primo rivenditore di personal computer al mondo.

Terrell rimase infatti molto deluso dal fatto che Wozniak e Jobs gli avessero consegnato un ordine di 50 kit di computer invece di altrettante unità assemblate, ma la coppia di giovani imprenditori riuscì comunque a convincerlo ad accettare la consegna della merce.

Un rifiuto di Tarrell avrebbe potuto cambiare la storia dell’informatica: Wozniak e Jobs avevano costruito i 50 kit acquistando a credito i materiali necessari, e se la merce fosse rimasta invenduta non avrebbero potuto onorare i debiti, e l’azienda sarebbe probabilmente fallita ancor prima di nascere.

L’antenato del Mac comprato da un prof di elettronica

Secondo quanto riferito dal sito d’asta, l’ormai ex proprietario aveva acquistato l’Apple-I di seconda mano, da un professore di elettronica al Chaffey College di Rancho Cucamonga, in California, nel 1977. La macchina è stata quindi battezzata “Chaffey College Apple-I”.

Il fortunato collezionista che oggi ha incassato 400.000 dollari cedendo il suo Apple-I è stato in passato uno studente di quel professore di elettronica che, ignaro, comprò un esemplare del computer capostipite della dinastia dei Mac.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti