ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùwwdc

Apple lancia Apple Silicon per il Mac e dice addio a Intel. Tutte le novità

L’evento dedicato agli sviluppatori per la prima volta trasmesso solo online, come conseguenza dell’emergenza sanitaria, con un video registrato all’interno dell’Apple Park

di Luca Salvioli

default onloading pic
Tim Cook durante la WWDC 2020, per la prima volta interamente online (Afp)

L’evento dedicato agli sviluppatori per la prima volta trasmesso solo online, come conseguenza dell’emergenza sanitaria, con un video registrato all’interno dell’Apple Park


4' di lettura

Apple aggiorna tutte le sue piattaforme, dal sistema operativo dell’iPhone a quello dell’Apple Watch, e lancia Apple Silicon, il suo primo processore fatto in casa per il Mac, fino ad ora appannaggio di Intel in una partnership durata 15 anni. Le novità software saranno disponibili il prossimo autunno, con il lancio dei nuovi prodotti.

Gli annunci arrivano durante una WWDC molto diversa dalle altre: per la prima volta online senza un evento fisico come conseguenza dell’emergenza sanitaria, con un video registrato interamente all’interno delle diverse aree dell’Apple Park, dallo Steve Jobs Theater dove in genere si tiene il keynote, alla palestra per i dipendenti, fino ai laboratori di ricerca.

Loading...

Un video lungo e con molta regia: un benchmark per tutta l’industria degli eventi business che per mesi dovrà confrontarsi con questa realtà, almeno finché la pandemia non sarà sotto controllo.

Apple Silicon, Cook: «È un giorno storico»

L’annuncio più importante in termini strategici arriva alla fine. «È un giorno storico per il Mac, lo portiamo a un nuovo livello dice Cook» annunciando il nuovo processore Apple Silicon per Mac, per il quale Apple ha preparato il sistema operativo MAC OS Big Sur. Apple dice addio a Intel dopo 15 anni e Cook giustifica la scelta con la necessità di avere prodotti maggiormente performanti, sottolineando come non mancherà il supporto per tutta la linea di Mac Intel attualmente in vendita: «Quando facciamo grossi cambiamenti lo facciamo per una semplice ma potentissima ragione: perché in questo modo possiamo fare prodotti migliori».

Johny Srouji, capo dell'hardware di Apple, presenta il primo processore realizzato dall'azienda per il Mac (Reuters)

Il primo Mac della nuova generazione con chip by Apple arriverà entro la fine di quest’anno, spiega Cook. I nuovi chip permetteranno ad Apple di costruire computer con una maggiore sicurezza e durata della batteria, ha detto Johny Srouji, il capo dell’hardware di Apple in un video registrato nel lab di Cupertino. Gli sviluppatori dovranno compilare versioni delle loro app compatibili con i nuovi prodotti per far funzionare il software senza problemi. Tuttavia, Apple fornirà il supporto di transizione per far funzionare le vecchie app sul nuovo sistema.

Microsoft e Adobe hanno già iniziato ad aggiornare Office e Photoshop, ha detto l’azienda. Apple rilascerà una nuova versione del sistema operativo per Mac, chiamata Big Sur, con il supporto per i nuovi chip. Il design è simile a quello di iPhone e iPad, con le icone delle applicazioni curve e i nuovi widget di iOS 14.

Il riferimento alla morte di Floyd

Tim Cook apre la conferenza parlando della morte “senza senso” di George Floyd, l'afroamericano ucciso dalla polizia a Minneapolis. “Due settimana fa abbiamo annunciato la Racial Initiative di Apple con 100 milioni di dollari” spiega Cook. Il ceo, riferendosi all’emergenza sanitaria, ringrazia poi i medici i medici e gli infermieri.

iOS 14: un nuovo ordine tra home e app

Le novità partono da iOS 14, l’aggiornamento del sistema operativo dell’iPhone. Arrivano i widgets, che l’utente può collocare direttamente sulla home. Possono aggiornarsi durante la giornata: la mattina le news, poi l’agenda, la sera la sintesi dell’attività fisica fatta. Possono essere customizzati, si trovano nella widget library. La “app gallery” invece permette di organizzare le app. iOS mette in cima le app che potrebbero servire rispetto all’attività che si sta facendo e suggerisce raggruppamenti e categorie. “Pictrure in picture” è invece pensato per continuare a vedere un video, o ascoltare almeno l’audio, mentre si passa da una attività all’altra.

Siri si rinnova: si possono mandare audiomessaggi dettandoli all’assistente vocale, ma sopratutto c’è una nuova app “translate” che traduce un audio in realtime, con trascrizione, in 11 lingue tra cui l’italiano. I messaggi consentiranno, tra le altre cose, di mettere in cima all’elenco di conversazioni quella più importante, avere maggiore ordine nelle conversazioni di gruppo. Tra i nuovi Memoji ci sarà anche una opzione con mascherina (non sarà l’unico riferimento al Covid-19: il nuovo Watch OS “aiuta” l’utente nel lavaggio delle mani).

Si passa alle auto. La principale novità di Car Play è la possibilità di utilizzare l’iPhone, tramite chip nfc, per aprire la macchina. Si parte tra una mese con al nuova BMW Serie 5. La feature sarà anche su iOS 13 e l’obiettivo dell’azienda è definire uno standard per arrivare anche su altri produttori. La chiave è conservata nel “secure element” del telefono, quello usato anche per Apple Pay e per la privacy dei dati personali. Le chiavi digitali possono essere condivise in Messaggi o disabilitate tramite iCloud se si perde il dispositivo.

Arrivano le “App Clip”, ovvero una porzione di app progettata per essere scoperta dagli utenti per una determinata attività (noleggiare un monopattino, pagare un ristorante). Per scaricarla c’è nuovo codice App Clip sviluppato da Apple, oppure si può usare NFC e codici QR.

I nuovi Airpods Pro saranno capaci di passare da un device all’altro senza dover fare il pairing bluetooth ogni volta. Da telefono a tablet a Mac e ritorno (per una telefonata, ad esempio). Arriva anche l’audio “spaziale”, con esperienza da cinema. Con accelerometro e giroscopio l’audio è dinamico, riconosce i movimenti di testo e del device, e regola di conseguenza l’audio. Spatial Audio offre surround come 5.1, 7.1 e Dolby Atmos.

Watch OS 7 ti aiuta a lavare le mani

Il nuovo sistema operativo avrà diverse personalizzazioni e la possibilità di condividente facilmente i quadranti. Apple Watch inoltre con i sensori di movimento, il microfono e l'apprendimento automatico integrati nell'orologio, rileverà in automatico i movimenti e i suoni tipici del lavaggio delle mani facendo partire un timer di 20 secondi e, se l'utente terminerà in anticipo, lo inviterà a continuare. Apple Watch può anche ricordare all'utente di lavarsi le mani quando rientra a casa.

iPad OS 14: focus su realtà aumentata

Le app avranno nuove barre laterali e degli strumenti che riuniscono i controlli in un unico posto. Le nuove opzioni per Apple Pencil, come la funzione Scribble per iPad ma solo in inglese e cinese, offriranno un modo nuovo di prendere appunti tra scrittura tradizionale e digitale. ARKit 4 ha una nuova API Depth che consente agli sviluppatori di accedere a informazioni di profondità più precise, acquisite tramite il nuovo scanner LiDAR su iPad Pro. Gli sviluppatori possono usare l'API Depth per introdurre nuove funzioni nelle loro app, per esempio la possibilità di provare un abito virtualmente in modo più preciso, o di vedere che aspetto avrà una parete prima di tinteggiarla.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti