ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSostenibilità

Apple raddoppia i fornitori carbon neutral. I piani al 2030

di Biagio Simonetta

3' di lettura

Apple ha annunciato di aver più che raddoppiato nell'ultimo anno il numero di fornitori che si sono impegnati a usare il 100% di energia pulita, accelerando i progressi verso l'ambizioso obiettivo di essere carbon neutral entro il 2030 in tutta la sua filiera e per tutti i suoi prodotti.

In totale – secondo i dati che ci ha fornito l'azienda di Cupertino - 175 fornitori Apple passeranno all'uso dell'energia rinnovabile e insieme all'azienda genereranno più di 9 gigawatt di energia pulita in tutto il mondo.

Loading...

Queste azioni eviteranno la produzione di oltre 18 milioni di tonnellate di CO2 su base annua: «come se ogni anno si togliessero più di 4 milioni di auto dalle strade» dicono da Apple.

«Ogni azienda dovrebbe partecipare alla lotta contro i cambiamenti climatici, e insieme ai nostri fornitori e alle comunità locali stiamo dimostrando le opportunità e l'equità che possono nascere dall'innovazione ambientale - ha detto Tim Cook - Ci stiamo muovendo insieme e con un senso di urgenza. Ma il tempo non è una risorsa rinnovabile, e dobbiamo agire in fretta per investire in un futuro più verde ed equo».

Obiettivo 2030

Il progetto di Apple è abbastanza chiaro da tempo. E sebbene la società di Cupertino sia già carbon neutral in tutte le sue strutture a livello globale, il piano è che entro il 2030 ogni dispositivo Apple venduto avrà un impatto net-zero a livello climatico.

Da quando ha annunciato questo obiettivo l'anno scorso, Apple ha aumentato in modo significativo il numero di fornitori che sono passati all'energia rinnovabile, ma ha anche esteso l'utilizzo di materie riciclate nei suoi prodotti e lanciato nuovi progetti incentrati sulla giustizia ambientale.

Complessivamente, secondo i dati forniti dalla stessa azienda, Apple ha ridotto del 40% le sue emissioni di gas serra negli ultimi cinque anni.

«Per troppo tempo, le comunità più colpite dai cambiamenti climatici non hanno avuto voce in capitolo. Questo deve cambiare, e noi ci impegniamo a far parte di questo cambiamento. - ha spiegato Lisa Jackson, Vice President of Environment, Policy and Social Initiatives di Apple - I nuovi progetti che stiamo presentando aiuteranno le comunità grazie allo sviluppo di nuovi progetti locali per l'energia rinnovabile, creando un mondo più sano ed equo, portando avanti la battaglia contro i cambiamenti climatici».

Le parole di Cook

Intanto, durante la call con gli con gli analisti a commento dei risultati finanziari dell'azienda, Cook si è soffermato sul fattore ambientale: «Siamo già carbon-neutral come azienda. - ha detto il Ceo - E in questo trimestre abbiamo fatto nuovi passi avanti verso il raggiungimento del nostro obiettivo fissato per il 2030.

Abbiamo fatto progressi significativi nei prodotti in quest’area. iPad e iPad mini sono ora dotati di un involucro in alluminio riciclato al 100%. L’antenna dell’iPhone 13 è composta da bottiglie d’acqua in plastica riciclata, una novità assoluta per il settore. E come i nostri clienti stanno vedendo quando acquistano l’iPhone 13, abbiamo riprogettato la confezione per eliminare l’involucro di plastica esterno, il che ci permetterà di evitare l’uso di 600 tonnellate di plastica.

Questo ci avvicina all’eliminazione di tutta la plastica nelle nostre confezioni entro il 2025. Abbiamo anche fatto buoni progressi verso il nostro obiettivo di realizzare un giorno i nostri prodotti senza sottrarre nulla alla terra. Con Apple Watch Series 7, per esempio, il 99% degli elementi delle terre rare che usiamo sono riciclati.

In vista della COP26, sono anche lieto di riferire - ha aggiunto Cook - che abbiamo più che raddoppiato il numero dei nostri fornitori che si sono impegnati a diventare carbon neutral entro il 2030. Siamo molto incoraggiati a vedere la crescita in questo settore, e continueremo a guidare questi cambiamenti nella catena di approvvigionamento nei mesi e negli anni a venire».

Gli impegni dei fornitori

Negli Stati Uniti, 19 fornitori del Supplier Clean Energy Program di Apple, come Solvay, stanno ampliando il loro utilizzo di energia rinnovabile in tutte le attività svolte per Apple, estendendo spesso questo impegno al di là della fornitura per Apple.

In Europa, 19 fornitori fanno ora parte del programma, tra cui STMicroelectronics, che, da quando ha aderito al programma di Apple, ha avviato nove ulteriori programmi per fornire energia rinnovabile ad altre sue attività.

In Cina, 50 fornitori sono entrati a far parte del programma, e molti di loro stanno ottimizzando l'utilizzo delle soluzioni on-site. In India, Giappone e Corea del Sud hanno aderito 31 fornitori, tra cui SK Hynix, uno dei primi fornitori coreani a partecipare.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti