AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùBorsa

Apple spinge sui volumi dell'iPhone 13, St corre a Piazza Affari

Dopo le indiscrezioni di Bloomberg sul fatto che Apple avrebbe chiesto ai propri fornitori di preparare fino a 90 milioni di unità per il lancio del nuovo iPhone 13

di Cheo Condina

(PHOTOSHOT/MAXPPP)

2' di lettura

Stmicroelectronics corre a Piazza Affari, a ridosso di 33 euro, dopo le indiscrezioni di Bloomberg sul fatto che Apple avrebbe chiesto ai propri fornitori di preparare fino a 90 milioni di unità per il lancio del nuovo iPhone 13, che dovrebbe essere commercializzato a partire da settembre. L'indicazione - si fa notare sul mercato - è circa il 20% superiore rispetto a quanto Apple avrebbe prodotto con i modelli precedenti e potrebbe essere legata sia ad ottenere una migliore allocazione in una situazione di shortage di supply sia maggiore confidenza sulla domanda futura di iPhone. Inoltre, negli ultimi anni i volumi di iPhone sono stati di poco superiori ai 200 milioni di unità con il trimestre finale dell'anno, grazie al lancio del nuovo modello, che ha sempre rappresentato fra il 35% ed il 40% delle vendite.

Sempre secondo i rumors, il nuovo modello Apple avrebbe deciso di ridurre le dimensioni del sensore FaceID, che rappresenta - sottolinea Equita - oltre metà del fatturato di St con Apple, e potenzialmente anche eliminarlo nelle versioni future. «Quanto sopra è coerente con le indicazioni già fornite dalla stessa St che aveva detto di aspettarsi nel 2021 un fatturato piatto del suo business imaging, che è principalmente legato al sensore 3D FaceID di iPhone, con un verosimile calo nel secondo semestre visto il calo del semi-content mentre la società aveva indicato una visibilità di tre anni per i design win custom made con Apple (quindi riteniamo fino al 2023)», aggiunge Equita.

Loading...

Tradotto in numeri, secondo il broker, le stime di consenso sul fatturato di Apple vedono una crescita superiore al 20% per l'esercizio 2021 (che finisce a settembre) ma solo del 4% per il 2022, quindi la notizia se confermata sarebbe positiva in generale per la supply chain anche se per St, che nel 2020 ha generato il 24% delle vendite con Apple, permane l'incertezza legata al calo del semi-content per unità.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti