la decisione del tribunale

Apple, stop alla vendita di modelli iPhone negli store in Germania. Nuova vittoria Qualcomm

di Luca Salvioli


default onloading pic
Foto di Josh Edelson / AFP

2' di lettura

Dopo la Cina, arrivano guai per Apple anche in Germania riguardo alla lunga disputa legale con Qualcomm, il produttore di chip con sede a San Diego. Il tribunale di Monaco ha stabilito che alcuni modelli di iPhone con chip di Intel e componenti del fornitore Qorvo infrangono alcuni brevetti di Qualcomm, in particolare le tecnologie capaci di ottimizzare il consumo della batteria nella continua ricerca di segnale wireless, e dunque ha stabilito che Apple non potrà più vendere nel Paese alcuni iPhone. I modelli sono iPhone 7, 7 Plus, 8, 8 Plus e X. Restano fuori, dunque, i modelli appena lanciati: iPhone XS, XS Max e XR.

Le conseguenze per Apple
Il giudice ha spiegato che se Apple farà appello le conseguenze non saranno immediate per Apple. Non solo: la decisione diventerà effettiva nel momento in cui Qualcomm depositerà una cauzione a copertura dei potenziali danni sostenuti da Apple nel caso in cui la sentenza venga successivamente annullata o modificata in appello. L’azienda di Cupertino in una nota ha però detto che ritirerà gli iPhone 7 e 8 dai suoi 15 store nel Paese, mentre si preparerà all’appello. «Siamo ovviamente dispiaciuti dal verdetto e stiamo pianificando l’appello» ha detto Apple in uno statement in cui spiega che tutti i modelli di iPhone saranno disponibili tramite i canali di vendita retail e degli operatori in 4.300 esercizi in Germania.

Il precedente cinese
La decisione ricorda quella di un tribunale cinese di poche settimane fa, dove Qualcomm ha ottenuto una ingiunzione preliminare. Con questa, da inizio dicembre, viene impedito a Apple di importare e vendere in Cina alcuni modelli vecchi di iPhone, gli stessi del caso tedesco.

Le reazioni
Piuttosto dura la reazione di Apple: «La campagna di Qualcomm è un tentativo disperato di distrarre dai problemi reali tra le nostre aziende. Le loro tattiche, nei tribunali e nel loro business quotidiano, danneggiano l'innovazione e danneggiano i consumatori. Qualcomm insiste nel chiedere tariffe esorbitanti basate su un lavoro che non fanno ed è oggetto di indagini da parte dei governi di tutto il mondo per il loro comportamento».

Qualcomm invece: «Solamente nelle ultime due settimane due stimati tribunali in due diverse giurisdizioni hanno confermato il valore dei brevetti di Qualcomm e riconosciuto la violazione di Apple, vietando la vendita di iPhone negli importanti mercati di Germania e Cina» ha affermato Don Rosenberg executive vice president and general counsel di Qualcomm.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...