ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùInnovazione tessile

Aquafil sviluppa il nylon derivato dagli zuccheri: «Pronti a proporre ai marchi il nostro nuovo filato sostenibile»

Il gruppo trentino, con la biotech texana Geno, ha messo a punto una tecnologia per derivare nylon a base organica, prodotto nello stabilimento di Lubiana. Avviata la fase di pre-commercializzazione

di Chiara Beghelli

2' di lettura

La creazione di Econyl, nel 2011, è stata una delle innovazioni più importanti nell’industria tessile dell’ultmo decennio, come dimostra il numero e la varietà di marchi e di applicazioni di questo filo ricavato da nylon 6.6 riciclato dalle reti da pesca raccolte negli oceani e dalle moquette destinate alla discarica. Ma l’innovazione, appunto, è un percorso che non si ferma: la trentina Aquafil, insieme alla società biotech texana Genomatica (Geno), hanno infatti completato con successo la prima produzione su scala dimostrativa di nylon 6 plant based, dunque a base organica, ricavato dal caprolattame, partendo però dalla fermentazione degli zuccheri e non da prodotti derivati dal petrolio.

Un bio-nylon destinato a rivoluzionare l'intera industria, che globalmente ha un valore di 22 miliardi di dollari, fornendo ai marchi nuovi materiali sostenibili per uso quotidiano, dall’abbigliamento, all'automotive e ai tappeti. Aquafil e Genomatica, che hanno firmato la loro partnership quattro anni fa, hanno prodotto le prime tonnellate di caprolattame da materia prima, lo hanno convertito in polimero di nylon 6 e lo stanno lavorando per essere utilizzato in applicazioni classiche, come filati per tessuti, tappeti e componenti plastiche.

Loading...

Le due aziende hanno collaborato per produrre quantità su scala pilota di nylon 6 da materia prima (la prima tonnellata era stata realizzata nel 2020) e ora sono arrivate alla produzione pre-commerciale su scala dimostrativa, i cui risultati contribuiranno a determinare il design dei futuri impianti commerciali. La produzione pre-commerciale di bio-nylon avviene presso il demo plant allestito da Aquafil a Lubiana, già centro nevralgico del gruppo per quanto riguarda la produzione di Econyl.

«Il mondo oggi ha bisogno di tutti gli sforzi possibili per rendere sostenibili intere filiere e il bio-nylon è un elemento essenziale per raggiungere questo fine - ha dichiarato Giulio Bonazzi, ad di Aquafil - . Inoltre, il nylon da materia prima può essere integrato al nostro processo di depolimerizzazione dei prodotti in nylon giunti a fine vita, creando una piena circolarità. Con Genomatica condividiamo una visione; vogliamo agevolare la transizione verso materiali più sostenibili, e questo è il pilastro della nostra collaborazione a lungo termine».

«Ora più che mai i marchi globali stanno agendo per utilizzare materiali sostenibili nei loro prodotti - ha aggiunto Christophe Schilling, ceo di Geno -. Stiamo lavorando per costruire catene di approvvigionamento, tracciabili e trasparenti come per il nylon 6, con l’obiettivo di fornire prodotti più sostenibili, richiesti dai consumatori e che possano aiutare i marchi a raggiungere i loro obiettivi Esg», ha concluso.


Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti