Due puntate il 12 e il 19 su Raidue

Arbore: «Torno in tv per insegnare la musica ai millennials»

di S.U.


Renzo Arbore torna a fare il mattatore in tv con Guarda..Stupisci

3' di lettura

Il titolo è tratto dal ritornello di una delle canzoni più famose, ed elegantemente piene di doppi sensi, della musicalità napoletana, “Agata . Guarda... stupisci” si chiama infatti il programma che riporta in televisione Renzo Arbore, 81 anni, il 12 e 19 dicembre su Raidue. «Arbore è il dna di Rai2, è il suo canone artistico e questo programma è l'esempio di cosa deve essere la buona tv - ha detto oggi il direttore della rete Carlo Freccero, presentando le due serate a Milano insieme al suo predecessore Andrea Fabiano sotto la cui gestione è nata l'idea del programma - Gli ho già chiesto di rendere un omaggio dissacrante anche a Gianni Boncompagni, mio carissimo amico».

Renzo Arbore torna a fare il mattatore in tv con Guarda..Stupisci

Il sottotitolo “Modesta e scombiccherata lezione sulla canzone umoristica napoletana” delinea la natura dello spettacolo che, come era già accaduto per “Indietro tutta 30 e lode” si ispira ad un'aula universitaria, intitolata a Totò. In una scenografia ricca di dettagli che ricordano il capoluogo campano, con rulli in movimento che richiamano il mare, colonne, limoni, una nicchia in foglie d'oro con la statua di San Gennaro Arbore dà lezioni ai giovani sulla musica napoletana con vari ospiti. Accanto a lui Nino Frassica che canta anche la sigla a cui si ispira il titolo “Agata” e Andrea Delogu.

«Mi piace pensare di essere il terzo Nino a farlo - ha scherzato Frassica - dopo Taranto e Ferrer». Realizzato nel centro di produzione Rai di Napoli, il programma, per la regia di Luca Nannini, rientra nella mission che si riproposto Arbore da anni: l'educational show per insegnare divertendo. «Credo che il compito di quelli della mia età sia raccontare ai millenials cose che non hanno potuto vedere ed è un compito che il rap non può fare - ha detto Arbore - Si sono persi una stagione meravigliosa ed è giusto che la conoscano per poi andare avanti».

Arbore fa 80: 'Io alternativo, ne faccio 50 e ricomincio'

Per il pubblico sono state svolte vere e proprie selezioni tra i giovani che frequentano scuole di spettacolo o aspiranti artisti. Perché, come già accadeva per Quelli della notte e Indietro tutta, due dei grandi successi televisivi di Arbore, gli spettatori in sala diventano anche protagonisti. Tra gli ospiti Gigi Proietti, Lino Banfi, fino a Marisa Laurito, Teo Teocoli, Tullio de Piscopo. Arbore spiegherà i meccanismi comici (doppio senso, sceneggiata, tic,imitazione, macchietta) che poi sono sempre gli stessi a cui hanno approdato artisti come Jannacci o Elio.

«Io ho avuto la fortuna di vivere la Napoli bella, quella di quando non c’era ancora la camorra ma forse solo il contrabbando - ha aggiunto l'artista - E nel programma c’è proprio quella Napoli, quella che si aspettano fino a Bergamo, la città del sole, della musica, delle ceramiche, delle cartoline».

    «Spero pure di gettare delle idee: il format potrebbe essere valido anche per la canzone milanese e romana - ha detto ancora Arbore - La televisione italiana ha avuto delle stagioni straordinarie con programmi che all'estero se li sognavano,
    prima che tutto fosse legato alla dittatura dei numeri del giorno dopo, che spesso premiano programmi che non lo meritano assolutamente, io vorrei si tornasse all'indice di gradimento ed a una televisione più elegante, sobria e meno rissaiola, insomma spero un ritorno alla slow tv, alla televisione artigianale».

    loading...

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...