tecnologie

Arco FC, punta alla Borsa la super-ricarica per l’auto elettrica

Nasce dai muletti con motore a idrogeno l’alleanza con la Toyota per un rifornimento di chilowattora in appena 3 minuti

di Natascia Ronchetti

default onloading pic

Nasce dai muletti con motore a idrogeno l’alleanza con la Toyota per un rifornimento di chilowattora in appena 3 minuti


2' di lettura

Con soli tre minuti di ricarica permette a un veicolo elettrico di percorrere fino a mille chilometri. È il dispositivo messo a punto da Arco FC — newco bolognese nata da uno spin off del gruppo Arcotronics (oggi Kemet Electronics Italia) — in partnership con Toyota Material Handlings, il gruppo della multinazionale giapponese che produce carrelli elevatori. È un’innovazione destinata a rivoluzionare il mondo della mobilità elettrica.

Pochi minuti per ricaricare
«La tecnologia nasce dalla fusione tra le celle a combustibile a idrogeno e le batterie a ioni di litio — dice il fondatore e amministratore di Arco FC, Angelo D’Anzi. — Normalmente i veicoli elettrici necessitano di ore di ricarica mentre con Direct Link, che è il risultato di questa fusione, bastano alcuni minuti».

Dal crowfunding alla quotazione
Per raccogliere i capitali necessari alla certificazione del prodotto, l’azienda bolognese ha lanciato una campagna di crowdfunding (sulla

piattaforma CrowdFundMe, quotata a Piazza Affari) con la quale ha raggiunto in una settimana mezzo milione di euro, di fronte a un obiettivo di un milione.
Prossimo round per lo sviluppo del prodotto, con il via libera alla produzione in serie, sarà la quotazione in Borsa, prevista nella seconda metà di quest’anno. Il traguardo dei 50 milioni di fatturato è fissato entro i prossimi cinque anni.

Un decennio di collaborazione
Tutto nato da una collaborazione iniziata nel 2009, quando Toyota Material Handling, che a Bologna dispone del suo più grande centro di ricerca e sviluppo in Europa, chiese agli ingegneri impegnati nella crescita dello spin off un sistema capace di rendere maggiormente efficienti i suoi carrelli elevatori a idrogeno, con batterie capaci di ricaricarsi in pochi minuti a differenza dei muletti tradizionali.
Fu l’inizio di un’alleanza che due anni fa aveva spinto Toyota a sostenere l’espansione di un’impresa capace di produrre sistemi innovativi per i veicoli elettrici.
«Ma noi produciamo per tutti, per case automobilistiche e per aziende che producono macchine operatrici o per la movimentazione delle merci», spiega D’Anzi.

Interesse internazionale
Da oltreconfine si sono già fatte avanti, manifestando interesse per la nuova tecnologia, aziende canadesi e statunitensi che operano nel settore

dei veicoli speciali.
«E ci aspettiamo ordini da case automobilistiche e da aziende della subfornitura dell'automotive», prosegue D’Anzi.
Due brevetti sono già stati depositati, tre sono in corso di deposito.
Arco FC, che collabora stabilmente con l’Enea e con il dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari dell’Università di Modena e Reggio Emilia, può fare leva su una squadra di otto tra ingegneri meccanici, elettronici ed elettrochimici.
Otto ordini — carrelli elevatori destinati a Toyota — sono già in consegna. Altri sono in arrivo da parte di aziende che producono anche camion.

Per saperne di più:

Promotor, nel 2020 mercato in crescita del 5%, ma serve una campagna incentivi

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti