MISURE ANTI-SMOG

Area B Milano, prime prove per i pendolari: «Utile ma crea disagi»

di Livia Zancaner

default onloading pic
(Ansa)


2' di lettura

La metà delle persone non lo sa. Dell'altra metà, qualcuno ha verificato sul portale se ha la macchina a norma, altri no.

La maggior parte ritiene che sia un provvedimento utile per ridurre le emissioni inquinanti, quasi tutti sono concordi nel dire che creerà disagi, soprattutto a chi per motivi economici, non può permettersi di cambiare l'auto, nonostante gli incentivi messi a disposizione dal comune di Milano .

Loading...

L'Area B, in vigore dalle 7.30 di questa mattina fino alle 19.30, divide milanesi e non, anche perché - a differenza dell'Area C - copre il 72% del territorio comunale, oltre il 97% della popolazione residente e interessa tutti coloro che ogni giorno entrano in città. Interessati i veicoli benzina Euro 0, le moto a due tempi Euro 0 e 1, i diesel fino all'euro 3 e dall'1 ottobre gli euro 4.

FOCUS / Area B al via a Milano: come funziona

«È sicuramente un'ottima idea per ridurre lo smog, certamente creerà qualche disagio a persone e attività commerciali ma è un modo per pensare in maniera evoluta», racconta a Radio24 un automobilista che ogni giorno per lavoro parcheggia l'auto a Famagosta, dove si trova uno dei 187 varchi archi di accesso all'area B, dei quali al momento solo 15 sono dotati di telecamera.

Milano, area B al via: le prime testimonianze degli automobilisti

«È certamente un disagio ma anche un'opportunità, mio marito ha una macchina Euro 4 quindi da ottobre non potrà più entrare a Milano, non possiamo cambiare l'auto, verrà a Famagosta e lascerà la macchina qui», ci spiega una signora residente in provincia di Pavia. «Per noi è un grosso disagio - aggiungono due pendolari, marito e moglie - arriviamo da fuori, per motivi di salute non possiamo prendere i mezzi e al momento cambiare auto non è fattibile, non possiamo caricarci di un altro finanziamento». «Io ogni giorno mi alzo presto per andare al lavoro, i mezzi non funzionano bene, per me la macchina è indispensabile, la mia è vecchia e non a norma ma non mi posso permettere altro». «Secondo me l'introduzione dell'Area B è uno specchietto per le allodole, chi vuole entrare entrerà lo stesso», ci spiega un signore di Abbiategrasso.

La multa di 80 euro - ricordiamo - scatterà all'esaurimento degli ingressi gratuiti, pari a 50 giorni di libera circolazione il primo anno, 25 il secondo, 5 per chi non è residente a Milano. Chi entrerà per la prima volta riceverà via posta un alert con tutte le informazioni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti