ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTest Drive

Ariya, la formula del crossover elettrico secondo Nissan

di Corrado Canali

Autonomia da 400 a oltre 530 km. Nissan Ariya è disponibile con batterie da 63 o 87 kWh. La vettura dallo stile gradevole sfrutta la piattaforma Cmf-EV

3' di lettura

Presentata nel 2019 al Salone di Tokyo pochi mesi prima della devastante pandemia da covid il suv-coupè elettrico di Nissan, l’intrigante Ariya ha dovuto fare I conti con una gestazione più lunga del previsto, tanto che soltanto all’inizio del 2023 sarà in vendita in tutta Europa, Italia inclusa. Lungo 460 cm, il nuovo modello è basato sull’architettura Cmf-EV per vetture elettriche dell’Alleanza Renault Nissan che ha già dato vita alla Megane E-Tech. Si inserirsi fra il crossover Qashqai e il suv X-Trail.

Lo stile del tutto inedito proietta il marchio Nissan verso la futura elettrificazione. L’abitacolo oltre che ben rifinito rompe con la tradizione del brand giapponese visto che propone un approccio più minimalista. L’Ariya offre batterie da 63 o 87 kWh mentre l’autonomia è compresa fra 403 a 533 km con potenze da 218 a 306 cv ed è disponine sia a trazione anteriore che in integrale. Ma veniamo all’offerta di allestimenti: Advance da 63 kWh costa 51.400 euro o quasi 58mila 0 euro da 87 kWh entrambe 2WD. L’Ariya Advance, invece, da 87 kWh 4WD costa 62mila euro. La Evolve da 63 kWh costa 54.400 euro o 61mila euro da 87 kWh entrambe 2WD. Infine il top di gamma l’Ariya da 87 kWh AWD è in listino a circa 65mila euro. Passiamo agli interni dove la strumentazione e l’infotainment sono gestiti attraverso due schermi da 12,3 pollici, ai quali si aggiunge un’utile head-up display a colori e un assistente virtuale, da attivare col comando Ehi Nissan. Da segnalare I pulsanti a sfioramento su plancia e tunnel centrale che appaiono solo ad auto accesa. Tutto il sistema di bordo, inoltre, si aggiorna via Internet e c’è anche la possibilità di controllare alcune funzioni da remoto dallo smartphone che può essere utilizzato al posto delle chiave per un accesso più digitale alla vettura. Il primo test di guida della nuova è stato sulla Ariya da 63 kWh con una potenza di 218 cv che è abbinata ad una coppia di 300 Nm oltre ad essere accreditata di una velocità limitata di 160 km/h per un’autonomia complessiva di 403 km. La trazione integrale di cui era dotata utilizza due motori elettrici che hanno il compito di regolare sia la forza motrice che il freno sulla quattro ruote tutte motrici operando in base delle diverse condizioni riportate dal manto stradale che in quel momento si percorre. Nel traffico la Ariya si è rivelata brillante e precisa, insomma un’elettrica doc, ma anche nel misto fuoriporta ha messo in mostra dei consumi contenuti in 16 kWh/100 km merito anche dei limiti in qualche caso estremi imposte su strade e autostrade svedese.

Loading...

Buona la taratura del recupero d’energia che non compromette mai il feeling di guida del pedale del freno. Completa la dotazione dei sistemi di assistenza alla guida della Nissan Ariya che include il ProPilot con Navi-link, in grado di adattare la velocità della vettura sia in base ai limiti di velocità nelle curve così come nelle rampe che portano alle uscite autostradali.

È inoltre inclusa nella dotazione di base della Ariya il pacchetto Safety Shield che comprende tecnologie di sicurezza fra cui la frenata d’emergenza a cui si aggiunge il riconoscimento di pedoni o ciclisti e anche l’avviso di abbandono involontario della corsia. Utili le tre modalità di guida che gestiscono l’indurimento dello sterzo del 20%. Il tutto si abbina ad un confort percepito sia nell’abitacolo che alla guida.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti