flessibilità

Armani ripensa il lavoro in epoca Covid. E la palestra diventa infermeria

Dalla riorganizzazione degli spazi alla mensa, tutte le iniziative dell'azienda per tutelare i suoi collaboratori

di Giulia Crivelli

default onloading pic
Chef dei ristoranti Armani preparano pasti per chi lavora in presenza

Dalla riorganizzazione degli spazi alla mensa, tutte le iniziative dell'azienda per tutelare i suoi collaboratori


3' di lettura

«Finding meaning in difficult times»: si intitola così il numero più recente del McKinsey Quarterly: il trimestrale della società di consulenza approfondisce – come potrebbe essere diversamente – l’impatto della crisi da Covid sulle aziende. Tra gli spunti più interessanti, l’idea che per «dare un senso alla vita, lavorativa e non, in tempi difficili», come dice il titolo, diventi ancora più importante sforzarsi di dare un contributo positivo alla società esterna. Paradossalmente però il modo migliore per farlo è migliorarsi al proprio interno. Il ragionamento si applica ad aziende e società, per gli autori del McKinsey Quarterly, ma a guarda bene vale anche per le persone.

Sicuramente è su questa linea di pensiero che si è mosso il gruppo Giorgio Armani, ispirato dal fondatore e ancora oggi guida del gruppo. Non a caso la rivista che abbiamo citato parla di «boss factor»: lo stilista e imprenditore fu tra i primi, ormai un anno fa, a intuire la gravità della crisi da Covid: il 23 febbraio 2020 terminò la settimana della moda femminile di Milano – che si era svolta con pubblico in presenza – sfilando a porte chiuse , quando ancora la pandemia sembrava soprattutto un problema cinese che in Europa avremmo potuto arginare. Come sappiamo, non è stato così e quasi certamente questa precoce consapevolezza, quasi una preveggenza, è alla base del percorso fatto nei mesi successivi dal’azienda e dall’ultimo passo, la riorganizzazione degli spazi aziendali per affrontare le conseguenze sanitarie del Covid e il cambiamento delle abitudini di lavoro. a partire dallo smart working, adottato fin da febbraio 2020 e su larga scala. Per mettere a punto i passi successivi il gruppo Armani si è rivolto a numerosi esperti, il risultato è stato la messa a punto di nuovi strumenti a protezione della salute dei lavoratori che si recano in ufficio: oltre al lavoro in remoto, l’azienda offre test con cadenza bimestrale per tutti i dipendenti, distribuzione gratuita quotidiana di mascherine chirurgiche, orario flessibile (anche e soprattutto per chi lavora in presenza), calendari di presenza che assicurano il distanziamento e il non assembramento, intensificazione delle misure igieniche, campagna vaccinale per l’influenza. Un punto importante, viste le difficoltà che ha avuto la somministrazione dei vaccini in Lombardia nel 202o: Il gruppo Armani è leader globale nella moda (il fatturato 2019 è cresciuto del 2,3% a 2,16 miliardi), ma il suo cuore è a Milano e nella città e nella regione lavorano centinaia dei suoi dipendenti.

Loading...

Alcuni spazi aziendali sono stati completamente trasformati: i locali della palestra (già fiore all’occhiello dell’azienda) di via Bergognone 46 – la strada dove si trovano anche molti showroom – sono stati adibiti a infermeria: è qui che i dipendenti vengono sottoposti a test sierologici gratuiti periodici e su richiesta, alla somministrazione dei vaccini antinfluenzali, una possibilità che è stata estesa anche ai familiari. Gli chef e tutto il personale dei ristoranti di Milano – Emporio Armani Caffè e Ristorante Milano e Nobu Milano – già attivi nel servizio di preparazione dei piatti e cocktail da asporto e delivery, sono stati coinvolti nella messa a punto di un servizio per chi lavora in presenza: i pasti – scelti da un menù ogni giorno diverso – possono essere consumati, quando consentito e in ottemperanza al protocollo di sicurezza in atto, nella sala catering adiacente all'Armani/Teatro, riconfigurata a mensa, e vengono consegnati su richiesta anche nelle altre sedi di via Borgonuovo, vicino al quadrilatero della moda. È lunghissimo l’elenco di iniziative degli ultimi mesi che hanno mostrato la flessibilità e allo stesso tempo la “proattività” del gruppo, dalle donazioni per la ricerca alla riconversione di impianti per la produzione di camici. Sarà interessante vedere se – come auspicato da più parti in Italia e all’estero – il gruppo si ritaglierà un ruolo di “privato attento alla salute pubblica” nella campagna vaccinale contro il Covid.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti