Il trattamento

Arpac: la Campania esporta il 66 per cento della frazione organica

di Vera Viola

 Spazzatura esportata in altre regioni

2' di lettura

Differenziare il 67,5% dei rifiuti organici prodotti (gli ultimi dati ufficiali sono del 2019 ), ma non disporre di impianti per trattarli in regione obbliga a esportare. È il caso della Campania, regione che dalla storica “emergenza rifiuti” non ha mai smesso di “esportare”: il 66% della frazione organica recuperata è avviata a recupero in impianti localizzati in altre regioni.

Ciò emerge dal Rapporto Ambiente del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente, completato e pubblicato in marzo, e in particolare da un contributo, curato dai tecnici (Marro, Grosso e De Palma) di Arpa Campania, che analizza i bilanci di materia. L’analisi rivela che nel 2019 in Campania sono state raccolte e avviate a impianti di recupero 624.191 tonnellate di frazione organica . Ma – si legge nello studio –  a fronte di un'elevata resa di intercettazione, la Regione sconta importanti carenze infrastrutturali che impediscono di chiudere il ciclo. Una vera stortura. La raccolta differenziata dei rifiuti organici dovrebbe permettere la produzione di risorse preziose, quali l’energia rinnovabile sotto forma di elettricità, calore e biometano.

Loading...

Invece, succede che dagli impianti regionali di prima destinazione, ben 418mila tonnellate di frazione organica campana vengano inviate in 33 province italiane. Con una quota più alta (il 40%) a Padova. Solo 181 mila tonnellate (28% circa ) restano in sei impianti campani.

«La situazione è in evoluzione – diceono oggi gli autori dello studio – poichè la Regione ha stanziato più di 250milioni sin dal 2016 e anche i privati si stanno muovendo. Prevediamo novità per il 2023». La Campania, secondo l’Arpac, avrebbe bisogno di almeno un potenziamento di 434mila tonnellate. Intanto, proprio per la carenza di impianti, i Comuni campani sostengono costi di gestione tra i più alti in Italia.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti