la crisi infinita

Arrabbiati, delusi, impazienti: gli elettori M5s-Lega si sfogano sui social. E attaccano i due leader

di A. Carli e A. Tripodi

Attivista M5S: Tradito da Di Maio, restituisco spilla

3' di lettura

La fronda parte dalla base, naviga sui social, esprime malumore e pone sul banco degli imputati proprio loro, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, i leader di M5S e Lega, le due forze politiche impegnate da giorni - ma anche nelle ultime ore - nella trattativa infinita per la formazione di un esecutivo politico giallo verde.

Di Maio criticato per i cambiamenti di linea; Salvini per la linea attendista
«Ma voi vi dovete decidere però! - osserva Brigida a un post pubblicato dal leader politico pentastellato sul suo profilo facebook, nel quale Di Maio propone di mantenere l’euroscettico Savona nella squadra dei ministri ma non all’Economia -. Ieri impeachment, oggi “torniamo indietro” e spostiamo Savona. Spostatevi voi, fatevi da parte che avete già dimostrato di non saper gestire queste situazioni». Stesso social, analogo malumore, cambia solo il destinatario del messaggio. «Non possiamo tollerare più i giochetti di nessuno» tuona Elvira in un post sul profilo di Matteo Salvini, nel quale il segretario federale del Carroccio annuncia la presenza di gazebo nelle piazze italiane nel fine settimana per firmare la proposta leghista di elezione diretta del Presidente della Repubblica. «Se il Colle offre, a te e a Di Maio, nuovamente la possibilità di governare, è il momento di dire di SI!!!! - aggiunge - Altro che Voto!!!! Gli Italiani hanno già votato!!!!».

Loading...

«Bastava cambiare un nome ma non avete voluto»
Cambia il social, non le perplessità della base sulla strategia che i due leader hanno scelto. «Ti sei fatto infinocchiare da Salvini per tre settimane - attacca Alessandro sul profilo twitter di Di Maio -. Bastava cambiare un nome ma avete voluto far perdere ulteriori miliardi all’Italia».

«Ma tu sei assurdo! Stai collezionando una infinita serie di pessime figure cambiando idea ogni cinque minuti», attacca Alessandro. Qualcuno ipotizza che a prendere le decisioni non sia Di Maio, ma qualcun altro. «Seguire il portavoce di Di Maio nelle sue continue variazioni di pensiero regala grandi, grandissime soddisfazioni». Paolo chiede un atteggiamento più flessibile, da entrambe le parti. «Evitate di dire “tra pochi mesi nascerà” e scendete a compromessi. Fatelo partire (il governo, ndr) per favore».

«Fate questo governo, non tirate troppo la corda»
Non solo solo i grillini a criticare le decisioni del proprio vertice. I leghisti fanno lo stesso con Matteo Salvini: «Adesso, che si è aperta un’altra finestra, fate questo governo, magari facendo partecipare FdI. Non garantite un governo Cottarelli. Non tirare troppo la corda. Siamo davvero stremati!», interviene Ida sul profilo twitter del leader del Carroccio. «Vi sembra questo il momento di raccogliere firme? - chiede Nicle -. Ma concentratevi sul governo invece di mescolare le carte». «Matteo, se ci fosse possibilità di una nuova apertura di governo #lega5s non tirarti indietro..», Elisa. E poi Daniele: «Ricorda che chi troppo vuole nulla stringe...non pensare di essere il numero 1 che a tornare al 4% è un attimo!».

«Salvini, che gioco stai facendo?»
La protesta della base leghista arriva anche su Instagram, dove ieri la foto postata da Salvini durante il comizio elettorale a Sestri Levante infiamma i followers. «Che gioco stai facendo? Invece di ricucire come vorrebbe di Maio chiudi tutte le porte...mi stai deludendo» si sfoga Lucyy60. E isidorasimon rincara la dose, delusa: «Ora che hai scoperto le carte, e rivelato che non hai mai desiderato un governo con i 5 Stelle, spero che tu perda consensi». Altri messaggi suonano quasi come un richiamo all'ordine - «Ma li leggi i messaggi degli elettori? Ricordati le promesse che hai fatto o i tuoi elettori ti salutano» , attacca robin_hood - mentre qualcuno getta acqua sul fuoco, come paolocrigiulia, che incita il leader: «Ovunque tu vada riempi le piazza! Avanti così».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti