ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSocial network

Arriva su Instagram la funzione per aiutare i genitori a “supervisionare” i figli

Lanciata a marzo negli Stati Uniti arriva anche in Italia la funzione per controllare quello che i minori fanno sul social network di Meta

di Luca Tremolada

3' di lettura

Arrivano anche in italia le novità introdotte da Meta già in alcuni paesi per aiutare genitori ed educatori a supervisionare l'esperienza social dei più giovani. Diciamo che è una notizia attesa in particolare da tutte le mamme e i papà che non si fidano abbastanza di quello che possono fare i propri figli su Instagram. Cominciamo con il dire che serve il consenso dell’adolescente e a 18 anni la supervisione automaticamente viene rimossa. Ciò detto, se adottate un approccio integralista la funzione consente di sapere tutto su quello che vostro figlio o vostra figlia fa su Instagram. Si fa prima a chiedere senza preavviso di consegnare al genitore direttamente lo smartphone ma il rapporto con gli adolescenti non è quasi mai lineare. In ogni caso, sarà interessante capire se riusciranno ad “hackerare” il sistema. In molti ci proveranno, ma non è detto che riescano.

Come funziona

Come funziona

Photogallery9 foto

Visualizza

Come funziona? 

Si invia una richiesta da una pagina web. I minori possono consentire a uno dei loro genitori o a un tutore di supervisionare il proprio account Instagram. A questo punto i figli devono accettare. Non è obbligatorio e non scatta automaticamente. Inoltre, i genitori o gli adolescenti possono rimuovere la supervisione in qualsiasi momento. La supervisione viene rimossa automaticamente quando l’adolescente compie 18 anni.

Loading...

Cosa possono vedere e sapere mamma e papà?

 La funzione Supervisione dei Genitori su Instagram, consente a genitori e tutori di fare diverse cose. Tra cui vedere quanto tempo i figli adolescenti spendono su Instagram e impostare dei limiti giornalieri. Programmare delle pause in specifici momenti della giornata. Ma anche vedere quali profili seguono e da chi sono seguiti. E infine ricevere notifiche quando i figli decidono di segnalare un account o un post, incluso chi è stato segnalato e il tipo di contenuto.

Poi ci sono i consigli per i genitori

Interessante ed educativa questa iniziantiva. Si chiama Centro per le Famiglie. In pratica anche in Italia i genitori potranno visitare il Centro per le Famiglie, che contiene una serie di risorse provenienti da esperti per aiutare genitori e figli adolescenti a vivere il mondo digitale in sicurezza.

Infine, i consigli ai ragazzi e alle ragazze

Ci sono anche nuove funzioni per aiutare gli adolescenti a gestire meglio il loro tempo su Instagram. Meta, si legge in una nota, sta testando a livello globale la nuova funzione Scopri argomenti diversi, che incoraggerà gli adolescenti a passare ad un argomento diverso se guardano ripetutamente lo stesso tipo di contenuto su “Esplora”. Poi c’è la funzione Prenditi una pausa che ti ricorda appunto di prendersi una pausa da Instagram. Meta ricorda che si è mossa in linea con i princìpi contenuti nella Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia (UNCRC) nel processo di sviluppo dei propri prodotti. Questa cornice normativa guida tutti i team di Meta nell’applicazione di standard ben definiti finalizzati a sviluppare esperienze digitali per i minori di 18 anni.

Cosa fanno gli altri?

Google da anni ha la piattaforma Family Link che consente di impostare le regole di base della vita digitale di bambini e adolescenti e permette di seguirli mentre imparano, giocano e navigano sul web. Facebook, che ricordiamo fa capo a Meta come la stessa Instagram, dispone di un Centro per la sicurezza dei bambini. TikTok invece dopo l’avvertimento del Garante della Privacy ha messo in campo già un anno fa una serie di tools che consentono ai genitori di collegare il proprio account a quello del proprio adolescente per decidere quali contenuti abilitare e quali impostazioni sulla privacy scegliere. 


Riproduzione riservata ©
  • Luca TremoladaGiornalista

    Luogo: Milano via Monte Rosa 91

    Lingue parlate: Inglese, Francese

    Argomenti: Tecnologia, scienza, finanza, startup, dati

    Premi: Premio Gabriele Lanfredini sull’informazione; Premio giornalistico State Street, categoria "Innovation"; DStars 2019, categoria journalism

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti