nissan

Arriva l’atto terzo di Qashqai, la madre dei suv

La casa lancia la terza sere del best-seller e un ambizioso piano sulle auto a ioni di litio

di Giulia Paganoni

3' di lettura

Presente e futuro di Nissan sono definiti da due tecnologie: elettrificazione e sistemi di assistenza alla guida Un percorso (soprattutto per l’elettromobilità) aiutato dall’impegno della casa nelle competizioni di Formula E. La grande novità è prevista per il 2021: si tratta della nuova Qashqai, terza generazione di un modello che ha cambiato la storia dell’auto introducendo nel 2006 la formula, ora dominate, di suv/crossover di media taglia e per tutti. Qashqai ha venduto più di tre milioni di unità solo nel Vecchio Continente.

La nuova generazione di basa sulla piattaforma Cmf-C dell’Alleanza Nissan-Renault, che presenta importanti novità dal punto di vista strutturale e tecnologico. Tutto questo si è tradotto in un risparmio di oltre 60kg di peso e una rigidità aumentata del 41% rispetto alla pretendete versione.

Loading...

Nel rispetto della strategia del marchio, la gamma motori si compone di due opzioni elettrificate: il mild hybrid da 12 Volt (abbinato a un powertrain benzina 1.3 litri con due livelli di potenza) e il sistema e-Power, una tecnologia home made che si compone di motore elettrico, batteria a elevata potenza, motore benzina, generatore e inverter. La trazione è data esclusivamente dall’elettromotore e il propulsore termico serve solo per azionare il generazione e produrre energia. Ciò permette di non richiedere una batteria esterna e quindi non vi è l’ansia dell’autonomia, come può accadere con gli ev.

Aaggiornato anche il sistema di assistenza alla guida ProPilot, ora in grado di acquisire informazioni e aggiornare costantemente la guida a seconda delle variabili esterne. Il sistema può intervenire sulla regolazione della velocità, sulla frenata e anche sullo sterzo per prevenire bruschi cambi di direzione.

Il ProPilot è un sistema su cui Nissan ha investito molto e che, insieme alla propulsione elettrica rappresenterà, se ancora non lo è già, un elemento di differenziazione importante dei prossimi modelli.

Sul fronte dell’auto 100% elettrica, Nissan ha varato un nuovo piano strategico per rafforzare il ruolo din un settore dove è stata un pioniere con Leaf (oltre 500mila unità prodotte nel mondo in due serie), Sono attesi 12 nuovi modelli nei prossimo 18 mesi. Il primo di questi è Ariya, il crossover coupé 100% elettrico che inaugura una nuova era per i veicoli elettrici del marchio giapponese, definendo un’inedita brand identity elettrificata mostrando anche un nuovo logo del marchio giapponese che simboleggia l’impegno dell’azienda verso l’innovazione per le nuove generazioni e sarà adottato dai modelli di prossima introduzione. Il crossover elettrico è basato sul concept presentato al salone dell’automobile di Tokyo nel 2019 e racchiude lo stato dell’arte delle tecnologie, della connettività e del design dei veicoli in arrivo.

Realizzato su una nuova piattaforma EV sviluppata dall’Alleanza, Ariya è la massima espressione della Nissan Intelligent Mobility, la strategia dell’azienda(migliorare ulteriormente i propri veicoli e raggiungere l’obiettivo di un futuro a zero emissioni e zero incidenti fatali), incorporandone i tre pilastri: Intelligent Power, Intelligent Driving e Intelligent Integration.

Ariya combina la tecnologia avanzata dei veicoli elettrici con un nuovo livello di connettività dell’interfaccia uomo-macchina, offrendo un’esperienza di guida completamente nuova. Tra questi da ricordare l’importanza del sistema ProPilot

Il powertrain (per le versioni 4wd) è formato da due elettropropulsori che formano un sistema di trazione integrale a ruote indipendenti (e-4orce), Per il mercato europeo sono state annunciate cinque versioni, con batteria da 63 e 86 kWh (2wd) e da 63, 87 e 87 Performance kWh a quattro ruote motrici.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti