Medio Oriente

Art Dubai sempre più globale espone l’arte dei 41 paesi, parola della neo direttrice Chloe Vaitsou

di Maria Adelaide Marchesoni

La neo direttrice di Art Dubai Chloe Vaitsou

7' di lettura

Apre la 13ª edizione di Art Dubai (20-23 marzo 2019, Madinat Jumeirah) primo anno senza lo sponsor storico, la società di private equity Abraaj Group che dal 2009 promuoveva anche l'Abraaj Group Art Prize. In liquidazione dal giugno scorso la società di private equity nel mese di ottobre ha venduto in asta con successo la collezione di arte mediorientale e dell'Asia meridionale (tutti i 200 lotti hanno trovato un acquirente). Quest'anno in fiera saranno presenti 90 gallerie, un numero inferiore rispetto alle 103 dell'anno passato, provenienti da 41 paesi che esporranno le opere di 500 artisti moderni e contemporanei suddivisi in quattro sezioni, Contemporary, Modern, Residents, che quest'anno espone i lavori di 12 artisti provenienti dall'America Latina che hanno passato 4-8 settimane a Dubai, e la nuova sezione, Bawwaba (parola araba che significa “gateway”), curata dalla franco-camerunese Élise Antagana, con 10 solo show e opere realizzate nell'ultimo anno o appositamente per la fiera, video, installazioni che hanno come tema il Global South. Per l'industria dell'arte la fiera è un momento fondamentale dell'Art Week dove, secondo quanto emerso da uno studio di qualche anno fa, viene realizzato da parte delle gallerie locali circa il 60% delle vendite annuali.
A guidare la fiera dallo scorso dicembre Chloe Vaitsou che spiega ad ArtEconomy24 le novità che ha apportato alla manifestazione, gli sviluppi futuri e l'evoluzione del collezionismo nell'area.

Primo anno come direttrice di Art Dubai. Cosa ha voluto cambiare rispetto alle passate edizioni?
Sono lieta di essere entrata a far parte di Art Dubai come direttore internazionale con il compito di sviluppare il profilo e il posizionamento globale della fiera, ampliare il network e le partnership commerciali, istituzionali e non-profit, lavorare a fianco del direttore artistico, Pablo del Val e tutto il team.
Ciò che mi ha attratto del ruolo, oltre alla diversità e alla qualità della programmazione artistica della fiera, è l'impegno ad essere un luogo di scoperta di aree geografiche che di solito sono omesse dal dialogo tradizionale.
Il focus è più sul fare le cose in modo un po' diverso piuttosto che un cambiamento radicale. Ad esempio, dopo aver esaminato l'esperienza complessiva del visitatore è stato introdotto un nuovo layout che colloca Art Dubai Modern all'interno delle sale di Contemporary per consentire una migliore lettura dei movimenti storici e del presente. Abbiamo anche introdotto uno spazio “think-tank” per ospitare Campus Art Dubai, un programma educativo unico nel suo genere negli Emirati Arabi Uniti, così come Art Dubai Residents, dedicato quest'anno all'America Latina, e una nuova sezione, UAE Now, che esplora le piattaforme indipendenti locali del paese.

Loading...

Quali le sfide future?
Art Dubai è sempre alla ricerca di modi per evolvere e sviluppare ulteriormente il suo profilo come una delle fiere d'arte più importanti e innovative al mondo. La fiera è sempre stata dinamica e originale in termini di varietà di programmazione e l'interesse nel coinvolgere nuovi espositori, regioni e contenuti. Direi che l'adattamento dinamico di Art Dubai ai cambiamenti e ai valori fondamentali di diversità e scoperta e le nuove prospettive aiuta a garantire il suo futuro. A livello internazionale e per la prima volta, Art Dubai ha invitato in una sessione dedicata oltre 100 rappresentanti internazionali di musei e istituzioni artistiche regionali e internazionali per presentare la scena artistica degli Emirati Arabi Uniti. Con le esposizioni di alcuni dei migliori musei e istituzioni degli Emirati speriamo di promuovere un dialogo a lungo termine tra i continenti. A livello locale, abbiamo iniziative come Art Salon, il nostro club, sede dei mecenati delle arti negli Emirati Arabi Uniti, per offrire esperienze durante tutto l'anno come incontri con artisti locali e in visita, studio visit, proiezioni, visite a collezioni private e altri eventi mirati dedicati all'arte, in modo da continuare a nutrire la scena.

Quali le principali novità di questa edizione?
Siamo entusiasti di Bawwaba (passaggio, porta), la nuova sezione che mira a offrire ai visitatori una lettura curata degli attuali sviluppi artistici, attraverso dieci solo show di artisti che vivono o provengono dal 'Global South'. La sezione affronterà i temi della migrazione globale, delle strutture socioeconomiche e dell'identità, come un'estensione di ciò che è sempre stato nel Dna della fiera: un interesse ad esplorare l'arte e lo scambio culturale da tutte le parti del mondo, non solo dai principali mercati dell'arte. Inoltre, Art Dubai Residents, quest'anno permetterà a 12 artisti dell'America Latina di immergersi profondamente nella scena culturale e artistica degli Emirati Arabi Uniti, mentre un'altra nuova sezione della fiera, UAE NOW, metterà in mostra i collettivi emergenti indipendenti locali di artisti e gruppi di comunità. Anche il nostro programma di Performance, sviluppato dall'istituzione d'arte contemporanea, Kunsthalle Lissabon , riflette questo ed esplora gli aspetti unificanti delle celebrazioni comunitarie - attraverso la danza, le processioni e le feste - come potenti strumenti per pensare al mondo che ci circonda.

Chi è lo sponsor principale della fiera e il sostegno economico?
I partner principali, Dubai Culture and Arts Authority, Julius Baer, Piaget, Jumeirah e BMW hanno ampliato il loro impegno per fornire ancora più arte al pubblico. L'impegno di Julius Baer con l'artista emergente francese Chourouk Hriech; la mostra di Piaget con l'installazione di Pierre Bonnefille, la presentazione di BMW della BMW Art Car di Ken Done del 1989. Guardando al futuro, il programma Sheikha Manal Little Artists, fornisce una piattaforma per la conoscenza e alimenta la creatività delle giovani generazioni. Un nuovo partner quest'anno è il Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation che sostiene il Global Art Forum e il programma Residents.

Qual è il livello di internazionalizzazione in termini di gallerie partecipanti?
In termini globali, Art Dubai da alcuni anni è stata riconosciuta come la più internazionale al mondo. Quest'anno abbiamo gallerie provenienti da oltre 40 paesi e il nostro programma di performance art, con artisti da Hong Kong e Trinidad e Tobago.

Da dove proviene la maggior parte dei visitatori stranieri (VIP)?
Quest'anno abbiamo un numero record di mecenati d'arte, tastemaker e influencer che includono alcuni dei più importanti collezionisti d'arte del mondo, proprietari di musei, fondazioni private e mecenati di importanti iniziative culturali da tutto il mondo. Abbiamo una rappresentanza molto forte da Europa, Nord America, Medio Oriente e Asia meridionale, oltre a gruppi dall'America Latina e dall'Australasia. Questo record si estende anche ai nostri VIP istituzionali, tra cui direttori di musei e curatori, che stanno definendo le tendenze artistiche, spingendo i confini di ciò che può essere l'arte.

Art Dubai in cosa si differenzia rispetto a fiere come Frieze e Art Basel? E rispetto ad altre fiere della regione?
Non siamo come le altre fiere e penso che sia strumentale al continuo successo di Art Dubai. Piuttosto che rispecchiare ciò che è stato fatto prima e altrove nel mondo, Art Dubai ha sempre cercato di essere originale nel suo contenuto; dalla diversità della sua gamma di gallerie, alla sua offerta di qualità non commerciale. Proprio come la città di Dubai, che è un punto di incontro di culture, che attira visitatori da una portata geografica incredibilmente vasta, Art Dubai è un appuntamento fisso nel calendario per scoprire l'arte di tutto il mondo - quest'anno abbiamo gallerie provenienti da Cuba e dal Camerun. La fiera porta anche con sé un senso tangibile di comunità; come evento principale nel calendario culturale della città e della regione, e anche come piattaforma di lancio internazionale per molti artisti all'inizio della carriera residenti nella regione.

Arte e mercato: in che modo Art Dubai ha aiutato la scena artistica e il collezionismo?
Le fiere d'arte presentano un'importante piattaforma che alimenta un intero ecosistema. Sono fondamentali per gli artisti per presentare il loro lavoro e per le gallerie per mostrare i loro programmi; e particolarmente vantaggioso per coloro al di fuori dei principali centri urbani dove tendenzialmente vi è la più grande concentrazione di gallerie commerciali. Offrono anche a curatori, direttori di musei, critici d'arte, studenti e appassionati d'arte l'opportunità di interagire con una vasta gamma di pratiche artistiche di tutto il mondo in un unico luogo. Le fiere d'arte sono utili per i collezionisti desiderosi di nutrire i loro interessi e fare scoperte, specialmente nel contesto di un mercato dell'arte globalizzato e con poco tempo a disposizione.
Ultimo ma non meno importante, le fiere d'arte hanno spesso un impatto economico significativo per le città ospitanti (nel 2015 l'impatto economico per la città di Dubai e stato nell'ordine di 35 milioni di dollari di nuove risorse derivanti da hotel, ristoranti, ecc.) , oltre a contribuire a modellare e sviluppare il profilo e l'identità di una città.
Avvicinandosi alla sua tredicesima edizione, Art Dubai funge da catalizzatore per la scena artistica della regione, portando avanti il mercato dell'arte del Medio Oriente, celebrando l'eccellenza artistica, essendo il trampolino di lancio della carriera di artisti e curatori, coltivando il talento attraverso commissioni, programmi di residenze e altre iniziative educative, costruendo conoscenze e consentendo scoperte, sia passate che presenti, per il pubblico locale e internazionale.
Attualmente la scena artistica di Dubai è estremamente internazionale. C'è un dialogo continuo non solo attraverso le presentazioni delle gallerie, ma anche attraverso la programmazione che fondazioni e centri d'arte stanno mettendo insieme. Basta visitare la settimana di Art Dubai a marzo per vivere l'eccitante e unico ecosistema vibrante che gli Emirati Arabi hanno da offrire.

Come si evolve il mercato dell'arte nella regione?
C'è stato un costante aumento dell'attenzione internazionale e del riconoscimento della scena artistica nella regione, attraverso importanti mostre internazionali e record d'asta di artisti come Etel Adnan, Mona Hatoum, Shirin Neshat, Walid Raad e Dia Al Azzawi, nonché un focus sui maestri di tutta la regione, come Mahmoud Said, Shakir Hassan Al Said e donne pionieristiche come Saloua Raouda Choucair e Fahr El-Nissa Zeid. E, il compianto Hassan Sharif è un punto di riferimento significativo per gli artisti degli Emirati Arabi Uniti contemporanei e a livello internazionale.
Negli Emirati Arabi Uniti, il Louvre Abu Dhabi ha accumulato oltre 600 opere d'arte per la collezione permanente, oltre a mostre temporanee che portano pubblico locale e internazionale per tutto l'anno. La Barjeel Art Foundation di Sharjah comprende la più completa collezione accessibile al pubblico in Medio Oriente di oltre 1.000 opere d'arte moderna e contemporanea, mentre il Jameel Art Center , recentemente lanciato a Dubai, è la nuova destinazione creativa della città e un hub chiave per iniziative culturali ed educative. Negli ultimi due decenni Sharjah Biennial ha arricchito il panorama culturale del Golfo commissionando, producendo e presentando arte, mentre Alserkal Avenue Arts District di Dubai offre contenuti artistici vivaci per tutto l'anno provenienti dalle migliori gallerie, fondazioni culturali della regione e giocatori indipendenti.

L'arte è un asset class di investimento?
Art Dubai come fiera ha una visione della cultura come un investimento per la comunità, sia a livello locale che globale, riunendo un pubblico diverso, consentendo lo scambio e il dialogo attraverso le prospettive e l'impegno per la sostenibilità della carriera degli artisti e i programmi delle gallerie.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti