NUOVO CENTRO KOMEN

Arte e medicina: al Gemelli di Roma i pazienti oncologici si curano con le terapie integrate

Inaugurato un nuovo spazio dove le pazienti del Centro di senologia e del Day Hospital dei tumori femminili potranno coniugare le cure tradizionali con musicoterapia, scrittura creativa e fotografia. Presentati due protocolli d'intesa con il Parco archeologico del Colosseo e con l'Accademia di Santa Cecilia

di Ernesto Diffidenti


Conte al Gemelli per l'inaugurazione della Biobanca nazionale Sla

3' di lettura

C'è chi disegna e chi ama canticchiare. C'è chi scatta una fotografia e chi, invece, si sottopone a una seduta di agopuntura o di meditazione. Succede nel nuovo centro Komen presso il Policlinico Agostino Gemelli Irccs di Roma, inaugurato oggi, dove una terrazza in disuso al 10° piano è stata trasformata in un vero e proprio "campo base" per le pazienti in cura nel Centro di Senologia e nel Day Hospital dei tumori femminili.

Per tutte le pazienti l'obiettivo è coniugare le più avanzate terapie oncologiche con trattamenti ispirati all'arte per migliorare il benessere psicofisico durante i percorsi di cura, nonché a limitare gli effetti secondari delle terapie e a ridurre i rischi di recidiva.

Conte al Gemelli per l'inaugurazione della Biobanca nazionale Sla - GUARDA IL VIDEO

Cure tradizionali e risorse terapeutiche aggiuntive
«Da oltre 15 anni alle donne in cura per un tumore del seno nel Centro di senologia del Policlinico Gemelli - sottolinea Riccardo Masetti, presidente di Komen Italia e direttore del Centro integrato - vengono offerte, insieme alle più avanzate terapie oncologiche tradizionali, anche risorse terapeutiche aggiuntive, scientificamente validate, che aiutano a navigare con meno difficoltà nell'esperienza di malattia come il sostegno psico-oncologico, le consulenze nutrizionali, l'agopuntura, la musicoterapia e altre terapie legate all'arte, che sono altamente apprezzate dalle pazienti».

L'agopuntura, per esempio, in alcune specifiche condizioni, allevia alcuni disturbi come le vampate di calore o i dolori articolari indotti dai farmaci. Utilissima anche la fitoterapia e alcune tecniche di meditazione. L'obiettivo del nuovo centro che servirà anche da hub per l'avvio di progetti di ricerca e di formazione professionale, è di triplicare le 3mila pazienti che già vengono seguite ogni anno al Policlinico Gemelli. «L'arte, nelle sue varie declinazioni, è una risorsa terapeutica importante, una potente medicina per il corpo e per la mente - assicura Giovanni Scambia, direttore scientifico del Policlinico Gemelli - in grado di contribuire a ridurre gli stati di ansia e depressione che spesso accompagnano una malattia oncologica, migliorando la capacità di recupero e la qualità di vita del paziente».

Molte delle terapie offerte saranno collegate a elaborazioni artistiche, musicali, di scrittura creativa o di fotografia. Una sinergia, quella tra "cura e cultura" rafforzata anche da due protocolli di intesa che Komen ha siglato con il Parco archeologico del Colosseo e con l'Accademia nazionale di Santa Cecilia. Nel primo caso viene ampliata la collaborazione già in atto con il ministero per i Beni culturali «per portare le attività che legano la salute con l'arte direttamente all'interno di una delle aree più rinomate del patrimonio culturale del nostro Paese»; la seconda, raggiunta con l'antica e prestigiosa istituzione musicale italiana, intende proseguire il progetto "La Musica fa bene" che promuove attività di ricerca congiunta sull'importanza della musica nel recupero psicofisico dopo una malattia oncologica e delle attività di promozione della musicoterapia nei centri di cura in Italia.

«La Fondazione policlinico Gemelli Irccs ha avviato una collaborazione con la Komen Italia per aumentare l'offerta di servizi alle donne con tumore del seno – conclude Giovanni Raimondi, presidente della Fondazione Policlinico Gemelli Irccs –. Questa preziosa collaborazione ha facilitato la realizzazione di una serie di importati progetti nel policlinico Gemelli, come l'istituzione del Centro multidisciplinare di senologia, l'avvio di percorsi di sostegno psico-oncologico, la creazione della carovana della prevenzione e ora l'apertura di un Centro di terapie integrate in oncologia, che testimoniano l'attenzione che la nostra istituzione dedica nell'accompagnare i percorsi di cura dei malati oncologici». Nel mese internazionale della prevenzione, l'unione tra Komen Italia, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs e istituzioni ha consentito a 1.211 donne, nel Lazio, in Campania, in Abruzzo e nelle Marche di sottoporsi a screening gratuiti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...