ArtEconomy24

Ecco il post-war italiano in attesa di ripresa, prezzi convenienti …

  • Abbonati
  • Accedi
In Primo Piano

Ecco il post-war italiano in attesa di ripresa, prezzi convenienti per gli intenditori

Nella tabella sono analizzate le opere di alcuni artisti italiani Informali, molto scambiati nelle aste italiane. Ogni opera presentata con una scheda tecnica viene stimata attraverso i valori incrociati del mercato primario (galleria) e di quello secondario (case d'asta). Bisogna ricordare che ogni opera è un unicum e che per spiegarne il prezzo sarebbe necessario analizzarla. Qui diamo i prezzi resi noti e offriamo al lettore dei commenti al fine di comprendere le performance di sette artisti (Achille Perilli e Alfredo Chighine sono su www.arteconomy24.ilsole24ore.com). Non dimenticando che i valori sono determinati anche dalla qualità dell'opera, dalla reputazione dell'artista e dall'importanza della sua galleria.
Afro
(Udine 1912 - Zurigo 1976)
Opera Lost and found, 1958.
Tecnica Mista su tela, cm 77 x 102.
Stima 600.000 €.
Galleria di riferimento Mazzoleni Galleria d'Arte, Torino (www.mazzoleniarte.it ); Galleria Dello Scudo, Verona (www.galleriadelloscudo.com); Imago Art Gallery, Londra (www.imago-artgallery.com).
Quotazioni L'aggiudicazione più recente è 1.800 € per Selva Madre, 1960, incisione, 3° esemplare su 7, cm 40 x 51, battuta da Artsegno, Udine, il 25 febbraio 2012; mentre per 7mila € Composizione, 1947, inchiostro su carta, cm 35 x 25,3, è passata di mano da Meeting Art, Vercelli, il 7 gennaio 2012, alla metà della stima. Le opere su carta quotano fino a 15mila euro, quelle su tela degli anni '50 e '60, il periodo più apprezzato e richiesto, da 40mila a 600mila euro.
Top Price 659.450 € per Segno limite, 1957, olio su tela, cm 97 x147, aggiudicato da Sotheby's Milano, il 27 maggio 2008, a quasi il doppio della stima.
Commento Afro Libio Basaldella nasce in una famiglia di pittori decoratori, ultimogenito di tre fratelli (gli artisti Dino e Mirko). La sua prima collettiva è nel 1933, presso la Galleria Il Milione di Milano. A Roma entra in contatto con la Galleria Della Cometa, partecipa alla sua prima Quadriennale (1935) e alla Biennale di Venezia (1936, 1940, 1942, 1952, 1954, 1956). Nel 1950 Afro si reca negli Stati Uniti e inizia la ventennale collaborazione con la Catherine Viviano Gallery. Nel '52 aderisce al "Gruppo degli Otto", con i quali prende parte alla XXVI Biennale di Venezia. Nel 1955 è presente alla prima edizione di Documenta a Kassel; raggiunti consensi e fama internazionali, nel 1956 ottiene il premio come miglior pittore italiano alla Biennale di Venezia. Nel 1959 è invitato a 2ª Documenta a Kassel, vince il Premio Guggenheim di New York (1960). Negli anni '60 espone a Cambridge (Massachusetts) e in tutta Europa. Gli anni '70 sono caratterizzati dalla attività di docente (Fine Arts Istitute di Sarasota e Accademia di Belle Arti di Firenze), dall'intensificarsi dell'opera grafica e dal diradarsi di quella pittorica ed espositiva. Dopo la morte la Gnam di Roma gli dedica un'ampia retrospettiva (1978) e Palazzo Reale a Milano la più completa mostra antologica (1992). In occasione oggi del centenario della nascita la Galleria Simone Aleandri Arte Moderna di Roma gli dedica fino al 24 marzo una mostra di opere su carta. Nel 1997 è uscito il Catalogo Raisonné delle sue opere su tela a cura dell'Archivio Afro, basato a Roma (www.afrobasaldella.org). Dal 1995 a oggi sono 334 i passaggi in asta, con un venduto del 62% e ancora buoni margini di crescita sul mercato internazionale. (M.Moj.)
Toti Scialoja
(Roma, 1914-1998)
Opera Untitled, 1958.
Tecnica Mista su legno, cm 66,2 x 101.
Stima 45.000 €.
Galleria di riferimento Galleria Dello Scudo, Verona (www.galleriadelloscudo.com); Galleria Open Art, Prato (www.openart.it); Galerie Di Meo, Parigi (www.dimeo.fr).
Quotazioni L'aggiudicazione più recente è 3.600 € per Senza Titolo, 1983, tecnica mista su carta montata su tela, cm 60 x 80, battuto da Meeting Art, Vercelli, il 21 gennaio 2012. Gli oli degli anni 80-'90 quotano da 5mila a 45mila euro, mentre quelli più apprezzati del decennio '50-'60 da 20mila a 60mila.
Top Price 75.800 € per Metamorfosi, 1957, vinile su tela, cm 90 x 175, aggiudicato da Christie's Milano, il 27 novembre 2007, al triplo della stima.
Commento Studente di Giurisprudenza, nel 1937 si dedica alla pittura ed espone la prima volta alla galleria Genova di Genova (1940). Nel 1947, insieme a Ciarrocchi, Sadun e Stradone, fa parte del gruppo dei "Quattro artisti fuori strada", presentati da Cesare Brandi; dal 1954 inizia a scrivere il «Giornale della pittura», un intenso diario intellettuale e dal 1955 si avvicina all'astrattismo. Nel 1957 elabora la tecnica dello "stampaggio" per dare figura alle "impronte", una delle forme maggiori dell'arte astratta europea dei tardi anni '50. È in America nel 1955 e poi nel 60, soggiorna a Parigi tra il 1961 e il 1964. Gli anni '70 e '80 rappresentano un periodo di scarsa operosità che riprenderà, nuova e intensa, solo a partire dal 1983. Oltre che pittore Scialoja è stato poeta, scrittore, scenografo e docente all'Accademia di Belle Arti di Roma, di cui fu a lungo direttore. A Roma la Fondazione Toti Scialoja tutela il suo lavoro (www.fondazionetotiscialoja.it). Dal 1995 a oggi sono 117 i passaggi in aste, soprattutto italiane, con un venduto del 53% e ampi margini di crescita sia di valori che di scambi. (M.Moj).
Emilio Vedova
(Venezia, 1919-2006)
Opera Spagna, 1969.
Tecnica Litografia su lastra di zinco, cm 67 x 73.
Stima 8.000 €.
Galleria di riferimento Boesso Art Gallery, Bolzano (www.boessoartgallery.it); Galleria d'Arte Contini, Venezia (www.continiarte.com); Art45.com, Honiton e Varese (www.art45.com).
Quotazioni L'aggiudicazione più recente è 650 € per Senza titolo, 1977, incisione 12° esemplare su 99, cm 70 x 50, battuto da Artesegno, Udine, il 25 febbraio 2102. Lo scorso 10 dicembre 2011 passava di mano per 90mila €, al minimo della stima, da Casa d'Aste Galleria Pananti, Firenze, Composizione, 1952, tecnica mista su carta montata su tela, cm 97 x 67. Le tele quotano da 50mila euro in su, quelle realizzate tra gli anni '50 e '60 sono oggi le più apprezzate e costano da 200mila a 700mila.
Top Price 776.750 € per Ciclo 61/62 no. 2, 1961-62, olio e collage su tela, cm 146 x 200,5, aggiudicato da Christie's Milano, il 26 maggio 2008, al doppio della stima.
Commento Nato da operai è un pittore autodidatta. Negli anni '30 studia arte a Roma e Firenze. Nel 1942 aderisce al gruppo milanese «Corrente». Negli anni 1944-'45 partecipa alla Resistenza e nel 1946 firma a Milano il Manifesto del realismo (Oltre Guernica); a Venezia fonda la «Nuova secessione italiana», poi «Fronte nuovo delle arti». Numerose le collettive internazionali, tra cui la Biennale di Venezia (1948, 1950, 1952), quella di San Paolo del Brasile (1951, 1954) e Documenta di Kassel (1955). Si associa al «Gruppo degli Otto» (1951-1953) promosso da Lionello Venturi. Crea collages materici e assemblaggi e lavora in ambito informale con un'intensa gestualità sulla scala dei bianchi e neri con inserimento di rossi. Nel 1956 è la prima personale in Germania. Nel 1958 vince il Premio Lissone (1958), espone a Palazzo Grassi a Venezia (1959), vince il Gran Premio per la pittura alla XXX Biennale di Venezia (1960). Dai primi anni '60 lavora ai Plurimi, realizzazioni polimateriche articolate nello spazio e tiene "lectures" sui questi lavori in diverse università americane. Insegna a Salisburgo (1965) e all'Accademia di Venezia (1975). Tra le ultime personali, le mostre alla Galleria Civica di Torino (1996) e al Castello di Rivoli (1998). Nel 2009 si è inaugurato a Venezia il Museo Emilio Vedova in un Magazzino del sale alle Zattere, in cui ha sede l'Archivio - Fondazione (www.fondazionevedova.org). Dal 1995 a oggi sono 463 i passaggi in asta, con un venduto del 57% e ancora buoni margini d'incremento sul mercato internazionale. (M.Moj.)
Mattia Moreni
(Pavia 1920 - Brisighella 1999)
Opera Amitié. A tutti i maldestri del mondo, 1960.
Tecnica Olio su tela, cm 162 x 130.
Stima 200.000 €.
Galleria di riferimento Galleria d'Arte Maggiore, Bologna (www.maggioregam.com); Galleria Blu, Milano (www.galleriablu.com).
Quotazioni L'aggiudicazione più recente è 2mila € per Umanoide pianificato dal computer, 1997, olio e pastello su carta, cm 72 x 48, battuto da Meeting Art, Vercelli, il 7 gennaio 2012 alla metà della stima. Alla Galleria Maggiore l'olio su tela Una nuvola colpita dal fulmine, 1957, cm 131 x 195 quota 150mila €; Immagine ancora penosa, 1961, cm 200 x 200, costa 180mila €, mentre le opere grafiche da mille a 5mila, gli oli su tela degli anni '50 e '60 da 50mila a 80mila euro e quelli degli anni '90 meno di 45mila euro.
Top Price 135.849 $ per Una Nuvola, 1957, olio su tela, cm 130,5 x 162, aggiudicato da Christie's Londra, il 16 ottobre 2006.
Commento Dopo un breve periodo all'Accademia Albertina di Torino (1940-1941), non termina gli studi; la sua prima personale è alla Galleria La Bussola di Torino (1946) presentato da Carlo Mollino; nel 1948 partecipa alla XXIV Biennale di Venezia. Dopo il periodo neocubista (1952 -1954), è tra i primi a percepire la novità informali ed entra nel «Gruppo degli Otto» esponendo con loro alla XXV Biennale (1952). Nel 1956 torna alla Biennale di Venezia e sviluppa un linguaggio che giunge all'Informale attraverso il recupero dell'Espressionismo astratto americano. Dagli anni '80 l'artista esprime in pittura la difesa dei valori della natura e del corpo, contro le minacce della civiltà computerizzata. Le sue mostre fuori Italia sono poche e l'attività si concentra in Emilia Romagna. Dopo la grande retrospettiva allestita nell'estate 2011 al Museo Michetti di Francavilla al Mare si attende un risveglio degli scambi, che registrano prezzi stabili da vent'anni in qua e 104 i passaggi in asta dal 1995 a oggi, con un venduto del 52%. Il mercato è nazionale e i valori hanno ancora ampi margini d'incremento. L'archivio di Mattia Moreni è basato a Bologna, presso la Galleria d'Arte Maggione (info@maggioregam.com), che cura il suo catalogo ragionato. (M.Moj.)
Gastone Novelli
(Vienna 1925- Milano 1968)
Opera Il Cubo creatore, 1967.
Tecnica Olio su tela, cm 40 x 50.
Stima 45.000 €.
Galleria di riferimento Matteo Lampertico Arte Antica e Moderna, Milano (www.matteolampertico.it); Galleria Blu, Milano (www.galleriablu.com); Imago Art Gallery, Londra (www.imago-artgallery.com).
Quotazioni L'aggiudicazione più recente è 2.200 € per Compozisione, 1957, tecnica mista su tela, cm 32,5 x 23, battuto da Cambi Casa d'Aste, Genova, il 18 novembre 2011. Da Lampertico L'Aquilone vola sul fiore a due petali, 1966, cm 54 x 54, olio su tela, quota 54mila €. Le opere più apprezzate sono quelle del decennio '60-'70 e hanno stime da 100mila a 250mila euro.
Top Price 272.400 € per Per una rivoluzione permanente (Per Lev Trotzky), 1965, tempera e grafite su tela, cm 200 x 360, aggiudicato da Sotheby's Milano, il 26 maggio 2005.
Commento Entrato nella Resistenza viene incarcerato a Regina Coeli (1943-1944) e finita la guerra inizia la sua carriera pittorica grazie a Max Bill. Usa segni, lettere, crittografie, geroglifici e nel 1957, con la Galleria La Salita Novelli di Roma, realizza un album litografico accompagnato dai versi di Dacia Maraini. Nel corso degli anni '60 realizza molti libri d'artista con amici poeti. Nel 1968 espone in una sala personale alla Biennale di Venezia, ma volta tutte le opere al muro in segno di protesta. Si trasferisce a Milano e insegna a Brera per pochi mesi, stroncato da morte improvvisa. Lascia incompiute molte intuizioni e irrisolto il suo rapporto con una società in trasformazione. Sue opere sono nella collezione Guggenheim e al MoMa di New York, alla National Gallery di Washington, al Museo del Novecento di Milano e alla Gnam di Roma. Il catalogo ragionato di tutta la sua produzione è promosso dall'Archivio Gastone Novelli (archivionovelli@tiscali.it) in collaborazione con il Mart di Trento e Rovereto. Dal 1995 a oggi sono 132 i passaggi in asta, con un venduto del 53%. Mercato dagli ampi margini di crescita di prezzi e volumi sia in Italia che all'estero. (M.Moj.)
Giulio Turcato
(Mantova 1912 - Roma 1995)
Opera Blue Arcipelago, 1960.
Tecnica Olio su tela, cm 130 x 160.
Stima 50.000-55.000 €.
Galleria di riferimento Boxart Galleria d'Arte, Verona (www.boxartgallery.com); Galleria Mucciaccia, Roma (www.galleriamucciaccia.it); Art45.com, Honiton e Varese (www.art45.com).
Quotazioni L'aggiudicazione più recente è 10mila € per Cangiante reticolato, 1975-1979, olio e tecnica mista su tela, cm 120 x 160, battuto da Meeting Art, Vercelli, il 28 gennaio 2012, a metà della stima. Gli oli più richiesti sono degli anni '50-'60 e quotano da 100mila a 200mila euro.
Top Price 251.175 € per Grande reticolo, 1957, olio su tela, cm 260 x 159, battuto da Christie's Milano, il 28 novembre 2006.
Commento Dopo gli studi d'arte a Venezia e un periodo a Palermo e Milano, espone la sua prima opera (Maternità) alla Biennale di Venezia (1942), sarà la prima di 15 partecipazioni (1948, 1950, 1952, 1954, 1956, 1958 vincitore del Premio Nazionale, 1966, 1968, 1972, 1982, 1986, 1988, 1993; 1995), un caso unico tra i pittori del '900. Trasferitosi a Roma (1943) espone alla Galleria dello Zodiaco e alla Quadriennale con Vedova e Scialoja. Entrato nella Resistenza italiana, dopo la guerra si stabilisce a Roma, recandosi a Parigi nel 1946 per conoscere Kandinsky e Picasso. Nel 1947 firma il manifesto "Forma 1", aderisce al gruppo del "Fronte nuovo delle arti" e nel 1952 al «Gruppo degli otto» (Afro, Birolli, Corpora, Santomaso, Morlotti, Vedova, Moreni). Intanto il suo astrattismo trova una dimensione originale con colori che paiono sgorgare lentamente dalla tela e l'uso di sabbia, monocromo e gommapiuma, con cui confeziona le Superfici lunari. Nel 1955 la Gnam di Roma acquista un suo Reticolo per le collezioni permanenti e vince il premio della Presidenza del Consiglio. Pur presente negli anni '60 a Documenta di Kassel, alla Biennale di San Paolo del Brasile, al MoMa di New York, al Pac di Milano, alla Staatsgalerie Moderner Kunst di Monaco, al Musée de l'Athenée di Ginevra, al Philadelphia Museum of Art, ha un mercato ancora nazionale e ampi margini di incremento di scambi e valori. Dal 1995 a oggi sono 605 i passaggi in asta con un venduto del 56%. Il suo archivio è basato a Roma (archivio.turcato@libero.it). (M.Moj.)
Tancredi Parmeggiani
(Feltre 1927 - Roma 1964)
Opera Giardini a Venezia, 1957.
Tecnica Olio su tela, cm 167 x 199.
Stima 800.000 €.
Galleria di riferimento Matteo Lampertico Arte Antica e Moderna, Milano (www.matteolampertico.it); Studio Gariboldi, Milano (www.studiogariboldi.com); Mazzoleni Galleria d'Arte, Torino (www.mazzoleniarte.com).
Quotazioni L'aggiudicazione più recente è 29mila € per Senza titolo, 1953, tecnica mista su carta montata su pannello, cm 65,2 x 99, battuta da Farsetti Arte, Prato, il 3 dicembre 2011 al minimo della stima. Gli oli su tela degli anni 1955-1958, il periodo più apprezzato e richiesto, quotano da 200mila a 400mila euro.
Top Price 539.750 € per Natura e contemplatività, 1957, olio su tela, cm 100 x 140, aggiudicato da Christie's Milano, il 26 maggio 2008, al triplo della stima.
Commento Interrotti gli studi classici si iscrive al Liceo artistico di Venezia (1943-1945) e poi all'Accademia di Belle Arti (1946) dove si lega a Emilio Vedova. Nel 1947 si reca a Parigi e nel 1949 tiene la sua prima personale alla Galleria Sandri di Venezia. Nel 1950 soggiorna a Roma, dove entra nel gruppo "Age d'Or". Partecipa alla 1ª Mostra dell'Arte Astratta Italiana alla Gnam di Roma (1951), poi ritorna a Venezia dove conosce Peggy Guggenheim che fino al 1955 gli fornisce uno studio e ne acquista le opere. Nel 1952 sottoscrive il manifesto dello Spazialismo, fondato a Milano da Lucio Fontana (1947). L'attività espositiva è vivace tra Milano, Torino e la Kunsthalle di Berna (1954), dove espone con Pollock, Wols, Mathieu. Nel 1955 espone alla Galerie Stadler di Parigi e conosce Dubuffet, Asger Jorn e Karel Appel. Presente con mostre a New York, Londra, Roma e Pittsburgh, si sposa con la pittrice norvegese Tove Dietrichson e torna a Milano nel 1960, dove collabora stabilmente con la Galleria dell'Ariete. Insignito del Premio Marzotto (1962), gli viene diagnostica una forma di schizofrenia paranoide, continua però a lavorare tra Milano, Venezia (partecipa alla Biennale del 1964) e Roma, dove si toglie la vita gettandosi nel Tevere a trentasette anni. Dopo la grande retrospettiva organizzata a Feltre nel 2011, gli scambi del pittore sono decollati e i valori hanno ancora buoni margini di crescita. Dal 1995 a oggi sono 236 i passaggi in asta con un venduto del 61%. Artista dalla qualità discontinua, non ha né un archivio, né una fondazione che tutelino il suo lavoro. (M.Moj.)
Legenda
- Stima: fatta sulle altre edizioni dell'opera in vendita, dal gallerista di riferimento o dall'art advisory.
- Top price: cifra massima pagata in asta per un'opera.
- Le aggiudicazioni d'asta dal 1990 o dal 1995 per gli artisti più giovani, espresse in $ o in , sono comprensive delle commissioni di vendita che si aggirano tra il 15% e il 25% sulla cifra battuta.
Foto: Courtesy dei musei di riferimento e delle gallerie
Banche dati d'asta
Artnet.com
Artprice.com

© Riproduzione riservata