ArtEconomy24

Il Premio Terna in Russia

  • Abbonati
  • Accedi
In Primo Piano

Il Premio Terna in Russia

Il Premio Terna per l'arte contemporanea è un progetto culturale di Terna, grande operatore di reti per la trasmissione dell'energia elettrica, in collaborazione con il ministero per i Beni e le attività culturali. Trasformando in metafora l'idea di trasferimento di energia, e intendendo la cultura come cinghia di trasmissione della conoscenza attraverso le generazioni, Terna si propone, con il Premio, di contribuire alla valorizzazione di artisti emergenti.
Basato fondamentalmente sull'autocandidatura e sulla raccolta di adesioni online, presenta, tra i suoi aspetti più interessanti, una dimensione internazionale che gli consente di sopperire a una carenza del sistema istituzionale italiano. Ogni anno, infatti, entra in connessione con una capitale mondiale, ne coinvolge gli artisti, e non solo organizza mostre delle opere selezionate in musei internazionali, ma offre a due italiani vincitori una residenza di alcuni mesi nella città in questione; in un sistema artistico internazionale totalmente interconnesso, questa può risultare un'opportunità vitale. Dopo New York e Pechino, la città di riferimento per la terza edizione del Premio è stata Mosca. La mostra che conclude l'edizione 2011, appena inauguratasi presso il Mamm, Multimedia art museum di Mosca alla presenza del presidente di Terna Luigi Roth e dei curatori del premio Cristiana Collu e Gianluca Marziani, costituisce anche il momento finale dell'anno della cultura italiana in Russia. Dura fino al 28 giugno. Esposte opere di Spalletti, Marinella Senatore, Liliana Moro, Andrea Nacciarriti, Giancarlo Norese, Cai Weidong, Francesca Grilli, Marco Fedele di Catrano, Ciriaca+Erre, Davide Tranchina, Gang Ma, Ren Hang, Yiquian Zhao, Riccardo Previdi e ZimmerFrei. Molti degli artisti hanno potuto partecipare al l'inaugurazione, e in questa occasione si sono potuti confrontare con attori della scena artistica locale.
Residency e mostra a parte, agli artisti è destinata una serie di premi acquisto.
Il Premio, nato nel 2008, è in evoluzione. Diviso in categoria Terawatt – l'unica a invito, dedicata ad artisti già decisamente affermati – Megawatt e Gigawatt – artisti emergenti sopra o sotto i 35 anni – è un esempio di rapporto in fase di continuo aggiustamento tra azienda, mondo dell'arte e istituzioni.
Se nell'ambito delle prime edizioni un ulteriore obiettivo consisteva proprio in un supporto dato a importanti musei sulla base della presentazione di progetti educativi – ne hanno beneficiato il Maxxi e la Gamec di Bergamo – la prossima edizione vedrà la realizzazione di un progetto site specific per un tratto di rete elettrica tra Foggia e Benevento, e di una sezione destinata a supportare la ricerca giovanile in ambito musicale. Le iscrizioni sono aperte.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata