ArtEconomy24

In calo il semestre di Maison Bibelot

  • Abbonati
  • Accedi
mercato dell’arte

In calo il semestre di Maison Bibelot

Il primo semestre dell'anno diMaison Bibelot si è chiuso con un calo del 22% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. La casa d'aste fiorentina ha offerto 1.716 lotti di cui 969 sono stati venduti con un prezzo medio di 1.703 euro. I tre settori gioielli, arte moderna e antiquariato hanno fruttato più o meno lo stesso fatturato, circa 550.000 euro. Il top lot è stata la scultura “Colonna a grandi fogli” di Arnaldo Pomodoro del 1972, venduta a 100.000 euro (stima 80-100.000 euro). Ha commentato i risultati la direttrice Elisabetta Mignoni.

Com'è andato il primo semestre del 2018 rispetto al 2017?
Più statico. La clientela è apparsa meno esuberante del 2017 e anche del 2016, anni in cui c'era stata molta voglia di acquistare, prova ne sono le aggiudicazioni record ottenute dalla Maison Bibelot.

Rispetto al primo semestre 2017 è cambiato il numero e la tipologia di aste?
Sostanzialmente le stesse.

Quali sono le tendenze osservate nei vari segmenti?
La tendenza è quella di una sempre maggior selezione da parte degli acquirenti. Il mercato è livellato sempre più sull'eccellenza ma, a differenza degli anni passati, oltre alla qualità sono sempre più necessarie stime più che accattivanti.

Qual è la percentuale di acquirenti stranieri? Da quali nazioni? In quali aste partecipano maggiormente e che cosa comprano?
Gli acquirenti stranieri sono in numero crescente ma non è importante la loro percentuale (ancora inferiore a quella degli italiani): importante è il il loro potere di acquisto, nettamente superiore. Provengono da tutta Europa (molti inglesi), Stati Uniti, Asia, in calo i russi. Acquistano gioielli, orologi, arredi di design, arte contemporanea.

Ci sono nuovi collezionisti italiani? Chi sono? Che età anno? Qual è la professione? Qual è la provenienza geografica? Che cosa comprano?
Stanno arrivando, quaranta/cinquantenni, manager-professionisti-imprenditori, nord Italia ma anche dal sud: comprano arte contemporanea, orologi, tutto ciò che fa investimento.

Come cambia il profilo di chi vende?
Prevalentemente anziani i cui figli o nipoti, quando ci sono, hanno altre priorità rispetto alla 'bella casa' o alla collezione di arte. Oppure più giovani che hanno ereditato oggetti che non sono di loro gusto.

Chi sono gli artisti e i movimenti artistici sottovalutati?
La pittura italiana del Novecento, nonostante le importanti mostre organizzate e le iniziative di note gallerie. A parte pochi artisti, tutti gli altri sono sottovalutati.

Quali sono i settori del collezionismo su cui puntate perché pensate possano avere un margine di crescita ulteriore?
Gioielli, Arte contemporanea ma anche Collezionismo in genere, un settore che stiamo sviluppando.

Quali sono le attese e le strategie per il secondo semestre?
Ci attendiamo un semestre più vivace anche se l'attuale realtà italiana, sia politica che economica, non aiuta. Non ci sono strategie a livello statale volte ad incentivare tutto il comparto Arte che, invece, potrebbe essere trainante. Continueremo a selezionare con molta accuratezza i lotti da presentare in asta: inediti, provenienza privata, certificati, prezzi di partenza concorrenziali. Stiamo organizzando una rete di collaboratori in tutta Italia in modo da facilitare i clienti che si vogliono affidare alla Maison Bibelot attraverso la creazione di questa sinergia.

Circolazione internazionale: dall'introduzione della riforma del Ddl concorrenza (agosto 2017) quali semplificazioni e quali difficoltà avete incontrato all'esportazione di beni artistici?
I decreti attuativi sono stati approvati soltanto a marzo 2018, poche ore prima che il ministro Franceschini terminasse il suo mandato e dunque entrati in vigore da poco.

Sull'applicazione delle soglie di valore avete riscontrato atteggiamenti di freno o ostruzionismo da parte degli uffici esportazione delle Soprintendenze?
Le soglie di valore sono così esigue che non abbiamo avuto modo di sperimentarle.

© Riproduzione riservata