ArtEconomy24

Bonté I, 2019.

  • Abbonati
  • Accedi

Bonté I, 2019.

Yan Pei Ming   Shanghai (Cina), 1960

Tecnica: Olio su tela, 100 × 100 cm.
Stima: 160.000 euro.
Courtesy opera: Foto di André Morin, Massimo De Carlo, Milano, Londra, Hong Kong.
Archivio: Non esiste.
Catalogo ragionato: Non esiste.

In galleria: Massimo De Carlo, Thaddaeus Ropac.Quotazione: L’aggiudicazione più recente è $ 90.981 per "Dreamspace", 2013 (olio su tela, 150x300,7 cm) da Phillips, New York l’8/3/2019 rispetto a una stima compresa tra 45.490 $ e 71.485 $. Nel 2018 in asta i lotti venduti sono stati 12 con un turnover di 343.473 $ e un tasso di invenduto del 58,6%. In galleria (Massimo De Carlo) i prezzi partono da 150.000 euro.
Top-price: $ 1.755.952 per Pape, 2004 (Olio su tela, 250x220,5 cm) da Christie’s Londra il 30 giugno 2008 rispetto a una stima compresa tra 798.160 $ e 1.197.240 $.

Commento:
Nato a Shanghai nel 1960 Yan Pei-Ming è cresciuto durante la Rivoluzione Culturale e ha iniziato a dipingere nel tempo libero. Dal 1982 vive e lavora a Digione (Francia) dove, nel 1986 si laurea all'École des Beaux-Arts. Conosciuto per i suoi ritratti immensi, quasi monocromi, elaborati in bianco e nero o rosso e bianco, attingono alla tradizione culturale cinese e alla ritrattistica occidentale. Sono eseguiti con energia e rapide pennellate che strutturano lo spazio dell'immagine. Alcuni dei suoi ritratti più acclamati raffigurano Mao Zedong, Bruce Lee e Barack Obama, ma anche il suo ritratto e quello di suo padre. Le altre opere pittoriche ritraggono paesaggi rurali e presentano l’universo in cui Yan Pei-Ming ha trascorso la sua infanzia. Ha partecipato alla Biennale di Venezia nel 1995 e nel 2003, di Siviglia nel 2006 e a quella di Istanbul nel 2007. I suoi ritratti sono presenti in diverse collezioni museali a livello internazionale, in particolare in Francia. In Italia è presente nella collezione del Maxxi a Roma. (M.A.M.)