ArtEconomy24

Steel 2, 2016.

  • Abbonati
  • Accedi

Steel 2, 2016.

Liú Xiaodong  Liaoning (Cina), 1963

Tecnica: Olio su tela, 50 × 100 cm.
Stima: 120.000 euro.
Courtesy opera: Foto di Gu Xiaobo, Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong.
Archivio: Non esiste.
Catalogo ragionato: Non esiste.

In galleria: Massimo De Carlo, Lisson Gallery. Quotazione: L’aggiudicazione più recente è 57.324 $ per Chaotic Mess 2, 2011, (olio su tela, 33 x 38 cm) da Sotheby’s Hong Kong il 1° aprile 2019 dalla stima compresa tra 15.286 e 28.025 $. Nel 2018 in asta i lotti venduti sono stati 10 con un turnover di 3.955.068 $ e un tasso d’invenduto del 33%. In galleria (Massimo De Carlo) le opere partono da 150.000 €.
Top-price: 7.470.400 $ per Disobeying the Rules, 1996 (olio su tela, 180 x 230 cm) da Sotheby’s Hong Kong Londra il 5 ottobre 2014 senza indicazione delle stime pre asta.

Commento:
Figura di punta tra i pittori figurativi della "New Generation" del Realismo cinese contemporaneo degli anni '90, Liú Xiaodong nasce nel 1963 nella provincia di Liaoning. Vive e lavora a Beijing. Celebrato per il suo personalissimo stile pittorico a metà strada tra la pittura storica e l'occhio di un reporter sul mondo contemporaneo, realizza delle grandi tele che riproducono, simili a istantanee, immagini della vita di tutti i giorni e luoghi segnati dal conflitto o dalla tensione sociale e umana. Un ruolo importante nel suo processo creativo è giocato dalla fotografia, che usa come strumento di osservazione e modello per la sua pittura. Dipingendo site-specific si focalizza su una comunità locale e la sua cultura, lavora con le principali questioni globali sociologiche, culturali, economiche, ecologiche e ambientali degli ultimi dieci anni in tutto il mondo, dalla Cina e dall'Asia a Cuba, Europa e Israele. Le sue opere sono state esposte alla Kunsthaus Graz, Austria (2012) e Ullens Center for Contemporary Art, Beijing (2010), e in diverse mostre collettive come la Biennale di Shanghai (2000, 2010), la 15a Biennale di Sydney ( 2006) e la 47ª Biennale di Venezia (1997). (M.A.M.)