ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMissione Nasa

Artemis, un altro rinvio per la perdita di idrogeno liquido

Epa

2' di lettura

La Nasa ha deciso di annullare anche il secondo tentativo di lancio della missione Artemis 1 diretta alla Luna a causa di una perdita rilevata durante il caricamento dell’idrogeno liquido e che, dopo tre tentativi, non è stato possibile eliminare. La decisione è stata presa dal direttore di lancio, Charlie Blackwell-Thompson, dopo il primo ’no go’ dei tecnici.

Il primo, fallito tentativo, era stato effettuato lo scorso 29 agosto. Ciò che non ha funzionato in quella occasione è stato uno dei quattro motori che devono dare spinta al gigantesco razzo, 98 metri di altezza.

Loading...

Questa volta, oltre alla difficoltà di rimediare alla perdita di idrogeno liquido, il problema tecnico ha ritardato il conto alla rovescia, lasciando troppo poco tempo per completare i preparativi prima del decollo.

Le operazioni di pre-volo sono state interrotte per oggi circa tre ore prima della finestra di lancio di due ore prevista a partire dalle 19.17 in Italia.

Non sono state fornite informazioni immediate sui tempi per un nuovo tentativo di lancio della missione. La NASA potrebbe programmare un altro tentativo per lunedì o martedì ma se la soluzione dei problemi tecnici riscontrati nel razzo Sls dovesse richiedere lo spostamento del razzo dalla rampa 39B all’edificio di assemblaggio Vab (Vehicle Assembly Building), un nuovo tentativo di lancio potrebbe avvenire a fine settembre o a fine ottobre.

La missione Artemis 1, senza equipaggio a bordo, segnerà l’avvio di un grande programma spaziale statunitense di ritorno sulla Luna, con l’obiettivo di stabilire una presenza permanente e di fare da tappa intermedia verso Marte.

«Un po’ di prospettiva: è stato necessario riportare indietro 11 Shuttles per riparare qualcosa e due di loro hanno dovuto essere ripristinati due volte. Quando Artemis 1 volerà, nessuno ricorderà i ritardi: se qualcosa fosse andato storto oggi, invece, lo avremmo ricordato per molto tempo. Allora: vai Artemis!». È l’astronauta italiano dell’Esa Luca Parmitano a ricordare così, su Twitter, le normali incognite legate alle complesse missioni spaziali.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti