Effetto chiusure

Asili nido: l’emergenza penalizza ancora il Sud ma è caccia ai fondi del Pnrr

Cittadinanza attiva: servizi ai livelli pre-Covid nel 75% dei casi. La Nadef rilancia: nel 2026 copertura al 33% con i 4,6 miliardi del Piano

di Eugenio Bruno e Valentina Melis

(Andrey Kuzmin - stock.adobe.com)

3' di lettura

Anche sul fronte degli asili nido il conto più salato della pandemia rischiano di pagarlo gli ultimi. Ovvero i territori del Sud dove l’offerta di servizi della prima infanzia è storicamente più basso. Come rivela l’ultimo rapporto sulla sicurezza a scuola di Cittadinanzattiva, che dedica un focus ai nidi, i Comuni, nel 2021, hanno mantenuto il livello pre Covid nel 75% delle strutture. Tra le eccezioni, emergono la Campania, con il 38% (e un 9% di casi in cui il servizio è stato sospeso) e la Puglia...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati