ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùChip

Asm corre ad Amsterdam, alza le stime perché la Cina peserà meno del previsto

Il titolo della società specializzata nella progettazione, produzione, vendita di apparecchiature per il trattamento dei semiconduttori poco segna il rialzo maggiore dell’indice Aex ed è al top anche dello Stoxx Europe 600

di Giuliana Licini

(Artem - stock.adobe.com)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Asm International corre alla Borsa di Amsterdam, dopo avere alzato la guidance per il quarto trimestre del 2022, perché le restrizioni Usa sull’export verso la Cina peseranno meno del previsto. Il titolo della società specializzata nella progettazione, produzione, vendita di apparecchiature per il trattamento dei semiconduttori poco segna il rialzo maggiore dell’indice Aex ed è al top anche dello Stoxx Europe 600.

Asm ha reso noto di aspettarsi un fatturato di 630-660 milioni di euro nell’ultimo quarto dell’anno, contro i 600-630 milioni indicati in precedenza sia per il minore impatto delle restrizioni Usa all’export in Cina, sia per le consegne verso altre regioni «leggermente superiori al previsto». Il 25 ottobre Asm aveva stimato che le norme statunitensi sulle esportazioni verso la Cina avrebbero avuto un impatto negativo sul 40% o più delle vendite alla Cina, «sulla base di uno scenario conservativo», vendite che nei prima nove mesi dell’anno sono state pari al 16% dei ricavi totali del gruppo.

Loading...

Ora «dopo approfonditi chiarimenti e un successivo riesame interno», il gruppo si aspetta che «le restrizioni recentemente annunciate dagli Stati Uniti influiranno negativamente sul fatturato in Cina tra il 15% e il 25%». Il 25 ottobre – rileva inoltre Asm - era stata annunciata anche una riduzione degli ordinativi arretrati del terzo trimestre, di riflesso alle restrizioni Usa comunicate il 7 ottobre. Ora il gruppo prevede di consegnare una parte di questi ordini nel quarto trimestre del 2022 o all’inizio del 2023 «in funzione dell’esito dei colloqui con i clienti». A favore del fatturato trimestrale va inoltre «la continua robusta domanda nei segmenti logic/foundry e power/analog».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti