ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùsistema informativo excelsior

Assunzioni, a febbraio primo calo (-14%) per meccanica ed elettronica

Pesa la contrazione della domanda di lavoro del manifatturiero con 11mila entrate in meno a febbraio e oltre 35mila in meno tra febbraio-aprile (-15,2%)

di Claudio Tucci

default onloading pic
(ANSA)

Pesa la contrazione della domanda di lavoro del manifatturiero con 11mila entrate in meno a febbraio e oltre 35mila in meno tra febbraio-aprile (-15,2%)


2' di lettura

Sono 320mila i contratti programmati dalle imprese nel mese di febbraio e saliranno a poco più di un 1 milione tra febbraio-aprile 202o. Rispetto a febbraio 2019 c’è una flessione di 13mila rapporti (-4%); il segno meno sale a 50mila rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso (-4,5%). A pesare è soprattutto la contrazione della domanda di lavoro del manifatturiero con 11mila entrate in meno a febbraio (-14,4%) e oltre 35mila in meno tra febbraio-aprile (-15,2%).

I dati Excelsior
La fotografia è scattata dal bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal; e mostra tutte le difficoltà del nostro mercato del lavoro. Ciò nonostante aumenta di oltre due punti la difficoltà di reperimento dichiarata dalle imprese: dal 29% al 31%.

Lo scenario economico
Elevate le difficoltà a reperire profili da inserire nelle aree aziendali dei Sistemi informativi (il 58% delle figure ricercate) e Progettazione, R&S (48%). In uno scenario internazionale caratterizzato da debolezza congiunturale, peggiora l’indice del clima di fiducia delle imprese anche a seguito della recente emergenza sanitaria globale e delle attese ripercussioni sulla crescita mondiale.


Il calo di assunzioni
Entrando nel dettaglio, sono le industrie manifatturiere collegate al settore automobilistico a segnare il maggior ribasso nelle previsioni di assunzione: -3.210 entrate previste dalle industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo (-17,8%), -2.950 quelle messe in programma dalle imprese meccaniche ed elettroniche (-14,2%). In flessione anche le previsioni occupazionali delle imprese tessili, abbigliamento e calzature (-1.680, -15,1%) e delle imprese chimico-farmaceutiche, della plastica e della gomma (-1.670, -21,9%). Il clima di incertezza trascina al ribasso anche il settore dei servizi (-2.940 entrate, -1,3%). La flessione è più accentuata nei servizi operativi di supporto a imprese e persone (-2.980, -9,1%,), nei servizi alle persone (-2.520, -7%), nei servizi di trasporto e logistica (-1.400, -4,9%).

In controtendenza (ma in frenata) il turismo
Ancora positivi i dati del turismo (+2.030 ingressi), anche se con un tasso di crescita inferiore al mese precedente (4,4% rispetto al 7,2% di gennaio), e dei servizi avanzati alle imprese (+1.050, +7,3%). Infine, per il significato economico normalmente collegato al settore va segnalato con particolare interesse il dato delle imprese di costruzione (+1.340, +4,3%), in campo positivo per il sesto mese consecutivo.

Per approfondire
Il lavoro si ferma, male la fascia 25-49 anni
Nel 2019 balzo della cassa integrazione: +20%. E quella straordinaria aumenta del 30%

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti