Sportive- il propulsore DELLA NUOVA SUPERCAR VALHALLA

Aston Martin, arriva il V6 turbo per le ibride

La casa di Gaydon svela un inedito sei cilindri 3 litri progettato in proprio

di Simonluca Pini

default onloading pic

La casa di Gaydon svela un inedito sei cilindri 3 litri progettato in proprio


2' di lettura

Il futuro di Aston Martin sarà anche sei cilindri. Il marchio di Gaydon ha alzato il velo sull’inedita motorizzazione 3.0 litri V6. Completamente progettato internamente, non succedeva dal 1968, il propulsore britannico debutterà nel 2022 con l’hypercar Valhalla.

La seconda grande novità è lo sviluppo pensato per accogliere la componente elettrificata, soluzione che apre la porta a nuove Aston Martin ibride e plug-in hybrid con ricarica alla spina. Battezzato TM01 in onore di Tadek Marek, leggendario ingegnere della casa negli anni ’50 e ’60 che progettò i motori sei e otto cilindri cuore della gamma Aston Martin dagli anni ’50 fino all’arrivo di Ford. Nel dettaglio l’unità tre litri monta le turbine al centro della V ed è dotata di lubrificazione a carter secco. In attesa di conoscere potenza e coppia del nuovo motore, è stata studiata per essere commercializzata in versione ibrida e plug-in hybrid con ricarica alla spina a cui si aggiunge la futura omologazione per le norme antiinquinamento Euro 7. Oltre sulla hypercar Valhalla, il nuovo motore V6 turbo sarà montato su un’inedita gamma di sportive a motore centrale che rientra nel piano di espansione del costruttore oltremanica. La notizia del nuovo motore segue l’entrata di Lawrence Stroll, il proprietario della scuderia di Formula 1 Racing Point, nel capitale dell’azienda.

ll rafforzamento finanziario di Aston Martin avverrà in due fasi. Inizialmente verrà versata una prima tranche di fondi, pari a 182 milioni di sterline (circa 200 milioni di euro), da un consorzio capitanato da Stroll, che conquisterà una partecipazione pari al 16,7% del capitale.

Livello, quest’ultimo, che salirà attorno al 20%, in occasione di un secondo aumento di capitale e quando il magnate canadese stesso verrà nominato presidente della casa auto. In totale il gruppo inglese riceverà un rafforzamento del capitale per complessive 500 milioni di sterline.

Altra novità arriverà dal 2021, dove Aston Martin debutterà in Formula 1 correndo con il suo nome e non più come main sponsor di Red Bull.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...