AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùBorsa

Atlantia ai massimi da due anni, tutto pronto per la vendita di Autostrade

Il closing è previsto entro 30 giorni lavorativi. Dalla cessione un incasso di 8,2 miliardi. Il mercato attende il buyback

di Andrea Fontana

(REUTERS)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Tutto pronto per il closing della cessione di Autostrade per l'Italia da parte di Atlantia e in Borsa il titolo testa di nuovo quota 19 euro toccando i massimi da due anni. Con la registrazione da parte della Corte dei Conti del Decreto Interministeriale di approvazione dell'Addendum e del piano economico e finanziario, si sono verificate tutte le condizioni sospensive previste dal contratto di cessione da parte della holding dell'88% di Aspi al consorzio guidato da Cdp Equity a cui partecipano Blackstone e Macquarie. Il closing è ora previsto entro 30 giorni lavorativi.

«Una notizia chiaramente positiva» per Banca Akros, visto che rimuove una volta per tutte l'incertezza sulla definizione dell'operazione. Gli analisti di Equita Sim, che alzano a 20,5 euro il target di prezzo con raccomandazione che resta "buy", guardano già all'esecuzione del programma di acquisto di azioni proprie fino a 2 miliardi di euro approvato dall'assemblea a dicembre: «Il cda potrà procedere al buyback sia con una partial tender offer con un premio massimo del 20% rispetto ai 5 giorni di borsa precedenti, che attraverso acquisti sul mercato. In caso di partial tender offer sul mercato, considerando che Edizione Holding (33%) ha già annunciato che non parteciperà all'offerta e che si possa assumere come fisiologico che il 10% delle azioni non venga consegnato, stimiamo che possano essere ritirate oltre il 20% delle azioni per gli azionisti di minoranza». Per la cessione di Aspi, Atlantia incasserà 8,2 miliardi.

Loading...

Proprio il numero uno di Atlantia, Carlo Bertazzo, di recente aveva dichiarato in un'intervista al Sole 24 Ore che la holding è pronta a investire 10 miliardi di euro al 2024, «5 miliardi per la crescita esterna e altri 5 come investimenti operativi delle partecipate». Lo stesso Bertazzo verrà confermato ad per i prossimi tre anni mentre il nuovo presidente di Atlantia sarà Giampiero Massolo: questo è quanto emerso dalla lista depositata da Sintonia (holding dei Benetton) per il rinnovo del board nell'assemblea del prossimo 29 aprile.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti