Infrastrutture

Atlantia, niente acconto su dividendo 2019, pesa incertezza Aspi

di Andrea Salomone


default onloading pic
(ANSA)

1' di lettura

Il consiglio di amministrazione di Atlantia ha deciso di non distribuire l'acconto sul dividendo 2019 per il «permanere di una situazione di incertezza in merito ad Autostrade per l’Italia, e alla conseguente decisione del Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l’Italia stessa di non distribuire alcun acconto sui dividendi».
Il gruppo Atlantia ha registrato nei primi nove mesi del 2019 ricavi operativi pari a 8.820 milioni, in aumento di 4.195 milioni rispetto allo stesso periodo 2018, con un ebitda di 5.698 milioni, in aumento di 3.049 milioni (+1% su base omogenea pro-forma) e un utile di pertinenza pari a 1.312 milioni (da 733 milioni che risentivano degli accantonamenti per il crollo del Ponte Morandi). Il traffico sulla rete autostradale aumenta dello 0,5% in Italia, 4,7% in Spagna, 4,1% in Cile, 4,2% in Brasile; cala dello 0,2% in Spagna.
Prevede andamento complessivamente positivo nel 2019
«La gestione operativa del Gruppo Atlantia prefigura per il 2019 un andamento complessivamente positivo, fermo restando l'impatto sui risultati a fine esercizio che potrebbero essere determinati dalle fluttuazioni dei tassi di cambio, di interesse e da eventuali discontinuità nell’operatività» di Alitalia. Riferisce la nota sulla trimestrale. «Ai risultati dell’anno in corso contribuirà inoltre il consolidamento per l'intero esercizio dei conti del gruppo Abertis, che recepirà però gli impatti economici sull’intero 2019 dell’applicazione definitiva dell’esercizio di Purchase Price Allocation conseguente all’acquisizione finalizzata a ottobre 2018. Si ritiene infine doveroso ricordare i potenziali rischi derivanti» dalle contestazioni del ministero delle Infrastrutture per il crollo del Ponte Morandi.
(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...