AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùborsa & Autostrade

Atlantia osservata speciale, sconta ancora rischio revoca concessioni

Governo in pressing e asse tra il premier Conte e il Movimento 5 Stelle. Al vaglio anche altre strade possibili. Secondo gli analisti lo scontro è comunque fonte di incertezza

di Stefania Arcudi

default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Ancora sotto forte pressione a Piazza Affari Atlantia, arrivata a perdere anche più del 2,5%, facendo molto peggio del FTSE MIB e mettendo il freno anche agli altri concessionari autostradali come Siase Astm. Come già successo nelle precedenti sedute, a pesare sul titolo è il rischio di una revoca della concessione autostradale, visti il pressing del Governo in proposito e l'asse tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Movimento 5 Stelle. Secondo Il Sole 24 Ore il procedimento amministrativo per la revoca potrebbe essere troppo laborioso, motivo per cui il Governo potrebbe valutare la cancellazione della legge del 2008 che «blindava» il contratto di Aspi, invocando le gravi inadempienze di Aspi e la nullità dell'articolo 9 bis della concessione che riconosce alla società un diritto di indennizzo in caso di revoca.

Altre testate sottolineano che il M5S sarebbe in favore della revoca, ma fra le soluzioni possibili potrebbero esserci anche la compensazione (strada esplorata dalla ministra De Micheli, senza esito per ora) e la dichiarazione di decadenza del concessionario per grave inadempienza, via che però andrebbe incontro probabilmente ai ricorsi nei tribunali. Gli analisti di Equita fanno notare che «una decisione del Governo di procedere contro Aspi cancellando la legge 101/2008 creerebbe incertezza perché sarebbe il tentativo di revocare la concessione senza indennizzo». Inoltre, scrivono, «lo scontro con il Governo appare duro anche per il tema dei report falsificati sulla sicurezza dei ponti, ma lo scenario negoziale sembra possa ancora essere seguito». Molti gli elementi di incertezza dunque, sottolineano gli analisti, citando anche il passo indietro del gruppo nella complessa partita Alitalia.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...