AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùautostrade

Atlantia sale in Borsa, offerta Cdp-fondi su Aspi non soddisfa ma si tratta

L'offerta non vincolante è inferiore alle attese ma sarà soggetta a potenziali ulteriori aggiustamenti entro fine gennaio

di Cheo Condina

default onloading pic
(ANSA)

L'offerta non vincolante è inferiore alle attese ma sarà soggetta a potenziali ulteriori aggiustamenti entro fine gennaio


1' di lettura

Un'offerta ancora insoddisfacente da Cdp-fondi ma anche un'apertura a ulteriori proposte da parte della cordata per Aspi. E' questo in estrema sintesi il senso del comunicato diffuso da Atlantia lunedì 28 dicembre al termine del board che ha esaminato la lettera ricevuta da Cdp-fondi lo scorso 22 dicembre sul dossier Autostrade. Insomma, si continua a trattare anche se il buon esito del negoziato è tutt'altro che scontato: in ogni caso a Piazza Affari lo scenario non dispiace, considerato che il titolo Atlantia recupera oltre un punto percentuale.

Nel dettaglio, la holding ha comunicato che l'offerta non vincolante ricevuta dalla cordata di Cdp è inferiore alle attese e contiene una valutazione per il 100% di Aspi inferiore rispetto al range indicato nelle precedenti lettere del 19 e 27 ottobre. Inoltre, "l'offerta sarà soggetta a potenziali ulteriori aggiustamenti al termine della due diligence, che si completeranno a fine gennaio".

Loading...

In ogni caso, il cda di Atlantia ha "confermato al consorzio Cdp la propria disponibilità a valutare un'eventuale offerta vincolante per la partecipazione detenuta in Aspi, purchè, come più volte ribadito in occasione delle precedenti offerte, rispondente all'interesse sociale". Offerta che presumibilmente arriverà dopo il 31 gennaio. Va anche ricordato che il cda di Atlantia ha convocato l'assemblea straordinaria il 15 gennaio per approvare la scissione di Aspi che permetterà l'ingresso di un investitore terzo nella concessionaria con una quota di riferimento: uno scenario di riassetto alternativo rispetto all'attuale ipotesi allo studio con Cdp e fondi che continuano a ribadire di puntare all'88% del capitale.

(Il Sole 24 ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti