ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùINFRASTRUTTURE

Atlantia si allinea in Borsa a prezzo opa Benetton, analisti positivi su valutazione

Equita: "Prezzo attraente". Cowen: "Azionisti apprezzeranno, anche se si può osservare che Covid pesa ancora su business". Akros alza target

di Andrea Fontana

(IMAGOECONOMICA)

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Piazza Affari reagisce con brio spedendo subito le azioni Atlantia ad agganciarsi al prezzo dell'opa messa sul piatto dalla famiglia Benetton e dai fondi Blackstone per delistare il titolo dal mercato: le quotazioni balzano del 5,1% a 23,01 euro. L'offerta ha un controvalore di 23 euro per azione a cui va aggiunto il dividendo di 0,74 euro che è stato proposto dal cda di Atlantia e che sarà votato dall'assemblea degli azionisti a fine mese.

Analisti positivi sulla valutazione

"Il pricing dell`offerta ci sembra attraente" è il commento di Equita Sim mentre Banca Akros ha portato a 23 euro il proprio target di prezzo dal precedente 18,50 euro e sottolinea che, secondo le indiscrezioni dei giorni scorsi, non sembra probabile l'arrivo di una controfferta da parte di Global Infrastructure Partners e Brookfield che nel mese di marzo si erano fatte avanti presentando a Edizione l'interesse per una operazione su Atlantia. Secondo Cowen, l'operazione dovrebbe essere apprezzata sia dagli stakeholder sia dagli azionisti visto la percezione avuta dal mercato su Atlantia dopo il disastro del ponte di Genova: "E' dfficile sostenere che non sia un prezzo accettabile", anche se gli investitori rialzisti potrebbero osservare che i business in cui Atlantia è impegnata stiano ancora scontando l'effetto Covid.

Loading...

Società valorizzata 19 miliardi di euro

L'opa valorizza l'intera holding 19 miliardi e riguarda il 66,9% del capitale non già detenuto da Sintonia: i due alleati (Benetton e Blackstone) puntano ad arrivare a detenere il 90% per poi procedere con il delisting. La Fondazione Crt, che ha il 4,5% di Atlantia, si è impegnata ad aderire con un primo 0,7% e a reinvestire accanto ai due offerenti ma ha anche l'opzione di decidere entro il 22 aprile se apportare l'intera sua quota reinvestendo interamente le somme incassate dall'opa. Se il delisting non viene raggiunto in opa, potrà essere raggiunto successivamente tramite fusione di Atlantia nel veicolo che lancia l'offerta.

Le condizioni: 90% capitale raggiunto e closing Aspi

Tra le condizioni per il successo dell'operazione, il closing della vendita di Aspi, la soglia del 90% da raggiungere e l'ottenimento delle autorizzazioni necessarie a cominciare da quella di Banca d'Italia per l’acquisizione indiretta di una partecipazione di controllo in Telepass Pay.

L'incognita guerra in Ucraina

L'evoluzione della guerra in Ucraina e' tra gli eventi avversi significativi che costituiscono una condizione di possibile stop alla offerta volontaria dei Benetton e di Blackstone su Atlantia. Nel documento di offerta infatti tra le condizioni di efficacia dell'operazione e' citato "il mancato verificarsi, entro il secondo giorno di borsa aperta antecedente la data di pagamento, di eventi o situazioni non noti alla data odierna all'offerente e/o al mercato, che comportino significativi cambiamenti nella situazione politica, finanziaria, economica, valutaria o di mercato, nazionale o internazionale". Questa condizione include specificamente, tutte le circostanze "che si dovessero verificare a seguito, o in relazione, alla crisi politico-militare Russia-Ucraina" riporta il documento che al proposito specifica: "Nonostante si tratti di circostanza gia' nota, potrebbero tuttavia ancora verificarsi conseguenze nuove e attualmente non prevedibili con riguardo all'offerta e/o alle condizioni economiche e finanziarie del gruppo dell'emittente". Escluse invece le circostante avverse "che si verifichino in seguito, o in relazione, alla pandemia Covid-19".

Nell'operazione gli offerenti sono assistito da Goldman Sachs, Mediobanca, Bank of America, Jp Morgan, UBS e UniCredit quali advisor finanziari. I consulenti legali dell'operazione sono lo studio Gatti Pavesi Bianchi Ludovici, lo studio Legance e Simpson Thacher & Bartlett.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti