ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùL’evento

Atp Finals, ricavi e indotto per 140 milioni

Nel 2021 la capienza limitata al 60%, a causa della pandemia, ha ridotto l’impatto economico sul territorio della manifestazione tennistica

di Marco Bellinazzo

Allenamenti. Gli allenamenti dei tennisti si terranno invece al Circolo della Stampa Sporting dove è stata allestita una tribuna a cui si può accedere acquistando un biglietto ad hoc (in foto, il vincitore dello scorso anno Alexander Zverev)

3' di lettura

Non ci saranno i big italiani, Matteo Berrettini e Jannik Sinner, dopo una stagione di alti e bassi, ma le Atp Finals di Torino 2022 attireranno comunque il pubblico delle grandi occasioni.

Una settimana di sport, spettacolo e business, con le sfide tra gli otto migliori singolaristi e le otto migliori coppie di doppio dell’annata che, dal 13 al 20 novembre, produrrà sul territorio un impatto economico notevole.

Loading...

Per la seconda volta, infatti, le Nitto Atp Finals si svolgeranno nella città della Mole al Pala Alpitour o Pala Isozaki, l’arena progettata dall’architetto giapponese in occasione dei Giochi olimpici del 2006 per ospitare le partite di hockey. La prima, lo scorso anno, era stata funestata dalle restrizioni per il Covid. Alla vigilia dell’evento, a causa dell’incremento dei contagi, la capienza consentita era stata ridotta dal 75 al 60%, sui 15mila posti disponibili. Una quota dei 120mila biglietti già venduti per accedere al Pala Alpitour era stata così rimborsara riducendo l’incasso di 15 milioni.

Quest’anno, senza limiti per spettatori e con la possibilità di viaggiare, il numero dei biglietti venduti e dei soggiorni in città è destinato a crescere. Già a fine estate erano stati venduti oltre 85 mila biglietti, con un quarto dei tagliandi acquistato all’estero, da spettatori di 75 Paesi dalla Gran Bretagna alla Spagna, dalla Germania gli Stati Uniti (nel 2021 erano stati comprati oltreconfine il 18% dei tagliandi con 60 paesi coinvolti). La proiezione a pochi giorni dal via alle partite è quella di superare abbondantemente i 100mila biglietti venduti.

In questa edizione, gli appassionati potranno contare su un rinnovato Fan Village da 4mila metri quadrati trasferito a piazzale Grande Torino, con stand commerciali degli sponsor e spazi per la ristorazione e l’intrattenimento. Gli allenamenti dei tennisti si terranno invece al Circolo della Stampa Sporting dove è stata allestita una tribuna a cui si può accedere acquistando un biglietto ad hoc.

Torino ospiterà le Atp Finals per cinque edizioni e, dunque, fino al 2025. L’aggiudicazione - all’Atp viene versata una fee di circa 18 milioni di dollari - permetterà di produrre un incremento del Pil italiano di circa 600 milioni, con un valore annuo in crescita progressiva come indicato nel master plan realizzato dalla Awe International Group di Romy Gai, capofila del consorzio, Camerana&Partners, Kpmg, Nielsen, Arriva e Politecnico di Torino.

L’indagine commissionata dalla Fit del presidente Angelo Binaghi alla Ernst&Young, più nel dettaglio, ipotizzava per il 2021 un impatto economico di 116 milioni di euro con una capienza massima fissata al 75 per cento. Quest’anno, invece, il ritorno economico diretto dell’evento e quello dell’indotto, dato da prenotazioni alberghiere, pranzi e cene, trasporti, nonché l’impatto fiscale potrebbero generere flussi pari a 140 milioni.

Molto nutrito è il novero degli sponsor della manifestazione. Il colosso giapponese Nitto Denko Corporation è il Title Partner del torneo dal 2017 e lo sarà fino al 2025. Intesa Sanpaolo è invece l’Host Partner. I platinum partner sono Emirates e Lavazza. Quattro invece sono i gold partner: Ea7, Ford, Pepperstone e Valmora.

Chi non è presente a Torino potrà seguire le partite in tv: saranno collegati oltre 150 Paesi, per un’audience mondiale. In Italia le Atp Finals saranno trasmesse su Rai 2 (che manderà in onda in chiaro un incontro al giorno) e Sky che coprirà l’evento in maniera integrale.

Alcaraz, Nadal, Tsitsipas, Ruud, Djokovic e gli altri tennisti che otterrano il pass per le ATP Finals, oltre che il titolo di Maestro, gareggeranno per contendersi il montepremi per il vincitore più alto nella storia del tennis. Le Nitto ATP Finals, in effetti, assegneranno un montepremi record di 14,75 milioni di dollari, con un aumento del 103% rispetto al 2021 e del 64% sull’evento del 2019, l’ultima edizione pre-pandemia. Se il vincitore del torneo di quest’anno - succedendo nell’albo d’oro al tedesco Alexander Zverev, che sconfisse in finale il russo Daniil Medvedev - dovesse alzare il trofeo facendo percorso netto, senza perdere un match, guadagnerà 4.740.300 dollari, con un aumento del 105 per cento. Uscire vincitore nelle tre partite del girone assicurerà un assegno di un milione di dollari. Superare positivamente la semifinale assegnerà 1,07 milioni, mentre la finalissima porterà nelle tasche del campione 2.200.400 dollari. Se una squadra di doppio imbattuta alzerà il trofeo a Torino, i vincitori si divideranno un bonus di 930mila dollari (un aumento del 117% rispetto al 2021). Un livello di premi straordinario se si pensa che i vincitori di Wimbledon, sempre quest’anno, hanno ottenuto 2,5 milioni di sterline. Il montepremi più alto per un vincitore si era vauto finora alle Wta Finals di Shenzhen nel 2019, quando Ashleigh Barty, la vincitrice, si ritrovò a incassare 3,5 milioni di dollari.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti