Innovazione

Audi Q4 e-tron verso il debutto: a bordo la tecnologia della realtà aunentata

L'head-up display a realtà aumentata a bordo del nuovo suv compatto del brand dei quattro anelli arricchisce l'esperienza percettiva

di Corrado Canali

default onloading pic

2' di lettura

Audi ricorre da tempo alla realtà aumentata per rendere ancora più immersiva l'attività di formazione tecnica, per snellire la pianificazione logistica e per progettare le linee, come per la e-tron GT. La granturismo elettrica ha potuto infatti contare sulla verifica dell'efficienza della catena di montaggio e sulla pianificazione dell'afflusso di componentistica senza ricorrere a prototipi fisici. Ora, la Casa dei quattro anelli attinge alla tecnologia alzando l'asticella della sicurezza, dell'intuitività e del confort con l'head-up display a realtà aumentata, al debutto sul suv compatto elettrico Q4 e-tron che debutterà il 14 aprile.

Punto di incontro fra mondo reale e virtuale

Il nuovo head-up display corredato della realtà aumentata offre praticità, sicurezza e precisione nelle indicazioni. Il dispositivo, inoltre, proietta sul parabrezza le principali informazioni in funzione su due livelli: quello di stato, che riguarda il comportamento della vettura, e quello virtuale. Le avvertenze dei sistemi di assistenza, le frecce di svolta legate alla navigazione e i relativi punti di partenza e destinazione sono mostrate come contenuti di realtà virtuale e visualizzati in modo dinamico, così da apparire come parte integrante del mondo esterno. Le indicazioni appartenenti alla realtà virtuale si muovono a circa dieci metri dal conducente o in funzione delle condizioni di guida, a distanze superiori. Le informazioni si affidano all'interazione tra intelligenza artificiale, machine learning e connettività Car-to-X rafforzata dalla piattaforma dati in grado di rilevare le variazioni d'aderenza del fondo stradale, per favorire la sicurezza in caso di scarsa visibilità ed evitare al guidatore cali di attenzione.

Loading...

Debutta l'inedito display MMI da 11,6 pollici

Sul versante software, il dispositivo denominato AR Creator, l'unità di calcolo integrata dalla piattaforma modulare d'infotainment MIB 3, esegue il report dei simboli da visualizzare alla frequenza di 60 frame al secondo e li adegua alla geometria dell'ottica di proiezione. Ne stabilisce inoltre il posizionamento nell'ambiente, sulla base delle informazioni rilevate dalla telecamera anteriore, dal sensore radar e dalla navigazione. Il software è in grado di gestire oltre 600.000 dati significativi di programmazione. Il tasso di hi-tech dei nuovi suv compatti elettrici di Audi aumenta con l'inedito display MMI da 11,6 pollici, il più ampio del brand e offerto in quattro firme luminose. A cui si aggiungono i volanti coi comandi touch e feedback aptico e la strumentazione digitale.

Quattro diverse firme luminose disponibili

Sempre in tema di raffinatezze Audi propone sui nuovi suv compatì elettrici i proiettori Audi Matrix sia pure disponibili a richiesta che alla gestione adattiva degli abbaglianti abbinano anche la possibilità di scegliere sia pure anche in una fase successiva all'acquisto dell'auto una novità assoluta e cioè quattro firme luminose emotive rispettivamente di un occhio, di una pupilla, di una freccia e della bandiera a scacchi tutte, poi, attivabili tramite l'MMI di bordo

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti