Startup

Aumento di capitale da 10 milioni di euro per la startup iGenius

L'operazione segue gli altri due round di finanziamento perfezionati dal 2016 a oggi, per una raccolta totale che sfiora i 20 milioni di euro.

di G.Rus.

default onloading pic

L'operazione segue gli altri due round di finanziamento perfezionati dal 2016 a oggi, per una raccolta totale che sfiora i 20 milioni di euro.


2' di lettura

È a firma di un gruppo di investitori privati il nuovo aumento di capitale da 10 milioni di euro che riporta i riflettori su iGenius, startup milanese specializzata in intelligenza artificiale che lo scorso novembre ha trovato posto (unica azienda italiana) nella sezione data & analytics nella classifica delle “top 100 SaaS companies” europee stilata dal venture capital Accel. L'operazione, fra le più rilevanti in assoluto nell'ambito degli investimenti angel, segue gli altri due round di finanziamento perfezionati dal 2016 a oggi, per una raccolta totale che sfiora i 20 milioni di euro.
La nuova iniezione di liquidità, spiegano i portavoce della società, sarà utilizzata in due distinti direttrici: da una parte sosterrà la revisione della strategia aziendale rispetto allo scenario post-Covid-19 e dall'altra sosterrà le attività del team (condotte sulla piattaforma di video conference Zoom) durante la quarantena, periodo nel quale iGenius ha continuato a lavorare e ad assumere personale in modalità remota, grazie a una speciale procedura che permette di firmare contratti ed altri documenti a distanza.
“La nostra missione – ha confermato in una nota Uljan Sharka, Ceo e founder di iGenius - è oggi quella di aumentare la business intelligence con l'intelligenza artificiale, perché in questo momento difficile per l'economia globale, la resilienza e l'agilità sono requisiti fondamentali per le aziende”. La specialità della casa, infatti, è la sinergia tra big data, machine learning e natural language processing, in due parole “augmented analytics”, tecnologia attraverso la quale qualsiasi azienda, anche non nativa digitale, può sfruttare i propri dati di business a supporto dei processi decisionali in una logica data-driven, anche in totale mobilità e in modalità smart working. La sua soluzione di punta, “Crystal”, che sfrutta un'unica interfaccia conversazionale per tutti i dati aziendali, è attualmente disponibile in sei lingue ed è già stata adotta da alcune tra le più importanti aziende Fortune 500.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti