Optional e dotazione

Auto business, ecco cosa non deve mancare

Irrinunciabili i sistemi hi-tech che migliorano sicurezza e comfort

di Giulia Paganoni

default onloading pic

Irrinunciabili i sistemi hi-tech che migliorano sicurezza e comfort


3' di lettura

Quale dovrebbe essere l'equipaggiamento di un'auto business? Una domanda che potrebbe sembrare banale dato che ogni casa automobilistica dispone in listino delle versioni ad esse dedicate, ma sono davvero dotate di tutto quello che sarebbe realmente necessario? E in ogni caso non è detto che la car list comprenda queste versioni business.

Facciamo quindi un passo indietro per cercare di capire cosa sarebbe ideale montare e cosa viene realmente proposto.

Le auto destinate alle flotte dovrebbero essere pensate con tutti quei comfort e soluzioni utili per viaggiare e quindi con sistemi di assistenza alla guida da utilizzare in autostrada o, ancora, alcuni accorgimenti per salire e scendere dall'auto rapidamente. Quindi magari si potrebbe chiudere un occhio su grandi cerchi da 18 e 19 pollici che coprono bene lo spazio sotto agli ampi passaruota ma non su alcune comodità irrinunciabil.

In primis però bisogna fare una distinzione tra le auto di flotta che vengono utilizzate da più conducenti e quelle che restano in benefit per un certo tempo in uso a una sola persona. Nel primo cosa sarebbe necessario che le regolazioni potessero essere registrate con delle memorie, come per esempio la posizione di guida elettrica e non manuale. Ovviamente per entrare in auto è fatto ormai obbligo avere l'apertura senza chiave, potendo lasciare questa all'interno della borsa o della 24 ore. A questo si aggiunge anche l'apertura del bagagliaio elettrica e, ove possibile, anche con il sensore sotto cui passare il piede da utilizzare nel caso in cui si abbiano le mani occupate.

A bordo poi, come anticipato, nei lunghi viaggi sarebbe necessario avere a disposizione interfacce immediate e intuitive. Pensiamo al cruscotto digitale che può essere personalizzato secondo diverse schermate e da cui possono essere visualizzate anche le indicazioni del navigatore o di Google Maps o di Waze, queste ultime funzioni ancora poco diffuse. O, ancora, il display al centro della plancia da 8 o 10 pollici per poter vedere bene le informazioni e che sia touch dato che le rotelle nel tunnel centrale ormai sono un po' passate di moda, anche se spesso sono imbattibili.

Utile sì, il sistema di navigazione ma ormai, grazie alla connessione con lo smartphone (Car Play e Android Auto) e alla diffusione di app come Maps e Waze sarebbe forse più gradita un'espansione del numero di applicazioni replicabili sul display dell'auto.

Oltre all'infotainment, la parte tecnologica presente su un'auto business dovrebbe riguardare la sicurezza di bordo. In autostrada il cruise control adattivo è d'obbligo e anche il sistema di mantenimento della corsia a cui andrebbe aggiunto il riconoscimento dei limiti di velocità affinché il sistema possa regolare l'andatura in base alla norme vigenti in quel tratto di strada. Da non sottovalutare l'utilità che può fornire il rilevatore dell'angolo cieco che con un segnale luminoso avverte il conducente del sopraggiungere di un veicolo.

Ma non solo. Addentrandosi nei centri abitati, utile è la frenata d'emergenza.

La motorizzazione dovrebbe prevedere opzioni con bassi consumi, ove il diesel è ancora il powertrain più efficiente. Non importa avere tanti cavalli. L'importante è avere un cambio automatico per non dover annoiarsi quotidianamente (magari in coda) con il pedale della frizione. E questo sopratutto se la vettura è usata da dipendenti che viaggiano molto per lavoro.

Costoro, che magari guidano tanto anche di notte, devono anche valutare bene il sistema di illuminazione: da evitare i fari alogeni vecchi e obsoleti e puntare sui Led, magari matrix. I fari dovrebbero essere in grado di fare molta luce in direzione dello sguardo del conducente, senza ovviamente disturbare le auto che sopraggiungono in senso opposto. E, un regolazione in base al raggio di curva, sarebbe sempre ben accetta.

Infine, per prevenire incidenti dovuti alla stanchezza, il sistema di monitoraggio del conducente per prevenire i colpi di sonno è una tecnologia che dovrebbe essere standard su questa tipologia di veicolo.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti