EV E PLUG-IN MODELLI E PREZZI . ANALISI

Auto, i costruttori parlano di elettriche ma spingono le ibride plug-in

Bev e Phev, due sigle dietro alle quali si celano le dinamiche del mercato dell'auto

di Pier Luigi del Viscovo

2' di lettura

I costruttori di automobili sembrano aver ingranato la quarta sulle ibride plug-in, più che sulle elettriche. Partiamo dalle vendite. Le auto elettriche (BEV, solo motore elettrico) stanno raddoppiando le immatricolazioni, come del resto avevano fatto lo scorso anno e quello prima. Considerando che una bella mano la danno i robusti incentivi, non c'è notizia. Che invece c'è sulle ibride plug-in (PHEV, motore termico più motore elettrico). Anch'esse aiutate dagli incentivi, meno robusti, stanno più che triplicando le immatricolazioni, a differenza di quanto avevano fatto negli anni precedenti, quando crescevano sì, ma del 60 o 30%.

Sotto la pressione delle multe sulle emissioni, le case auto hanno aumentato l'offerta per entrambe le tecnologie.

Loading...

I modelli full electric erano 18 un anno fa e adesso sono 31, mentre quelli ibridi plug-in sono passati da 26 a 48. Stesso aumento, ma il parallelo finisce qui, come rivela un'analisi del Centro Studi Fleet&Mobility presentato alla Capitale Automobile.

Premesso che parliamo di macchine costosette, che niente hanno a vedere con quelle normali il cui listino medio ponderato non arriva a 26.000, la soglia che divide il mercato può essere fissata a 50.000 euro di listino, come fece anche il Governo al momento di fissare l'accessibilità agli incentivi.

Rispetto a questo discrimine, le due tecnologie muovono da posizioni opposte. L'offerta di BEV è concentrata entro i 50.000 euro di listino, dove stanno i due terzi dei modelli, nonostante quest'anno abbiano raddoppiato l'offerta di vetture oltre tale soglia.

Sono macchine pensate per la mobilità urbana, fatta di poche decine di chilometri e ricarica domestica notturna, senza l'ansia di restare a piedi.

L'offerta di PHEV appare invece concentrata sopra i 50.000 euro di listino, con due terzi dei modelli. Nonostante adesso abbiano quasi triplicato l'offerta sotto questa soglia, a meno di 50.000 euro di listino si trova un terzo delle macchine, ma erano meno di un quarto l'anno scorso, e sotto i 30.000 neanche una.

Il posizionamento è diverso. Sono macchine proposte per il lavoro e la famiglia, che possono sostenere viaggi senza fare la caccia al tesoro per le colonnine e soste improbabili a giocare a carte all'Autogrill.

L'analisi dei prezzi a listino, non ponderata sulle vendite, conferma la strategia di offerta. La media dei listini dei modelli full electric si è mossa verso l'alto, da meno di 50.000 a oltre 54.000 euro. All'opposto, la media dei listini dei modelli plug-in si sposta verso il basso, essendo passata da oltre 78.000 a 66.000 euro.

Più si scende, più la domanda potenziale si allarga. È probabile che questi propulsori abbiano ancora tanta strada da fare. Anche in senso non figurato.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti