INNOVAZIONE

Auto e ambiente, così la blockchain può aiutare a ridurre le emissioni

di Biagio Simonetta


default onloading pic

2' di lettura


Apparentemente la blockchain e la riduzione delle emissioni di anidride carbonica sono due mondi separati. Le possibilità di applicazione di questa nuova tecnologia, però, sono tantissime. E l'ente di certificazione internazionale DNV GL, in partnership con il provider di soluzioni tecnologiche VeChain, ha presentato una piattaforma capace di legare la blockchain alla riduzione delle emissioni di carbonio. Per farlo ha messo in piedi un sistema di incentivi basato su un ecosistema dedicato, dove blockchain e Internet of Things sono le tecnologie dominanti. Ecosistema al quale possono partecipare aziende, istituzioni e consumatori che condividono la scelta di adottare stili di vita più sostenibili.

Il progetto si chiama carbon ecological platform, e in sostanza funziona così: il risparmio nelle emissioni di carbonio legate a scelte di consumo più consapevole (ad esempio derivante dall'utilizzo di un veicolo elettrico al posto di un veicolo a combustibile fossile) viene calcolato attraverso un algoritmo verificato da DNV GL. Il sistema di calcolo analizza chilometri, consumi ed emissioni grazie ai dati forniti dai sensori presenti sulle vetture. Successivamente avviene un raffronto fra il sistema elettrico e quello a combustione. Il risultato, infine, viene convertito in appositi tokens, definiti carbon credit. Questi ultimi possono essere poi utilizzati dalle aziende presso le aziende e le istituzioni che aderiscono al progetto. Per fare un esempio, i crediti guadagnati guidando un veicolo elettrico possono servire a comprare del latte, come è già accaduto in Cina nell'ambito della sperimentazione che ha coinvolto in particolare BYD, il produttore di veicoli elettrici e Bright Food, un retailer cinese di alta gamma.
Proprio BYD è, di fatto, uno dei primi produttori di auto a intraprendere la strada della blockchain e pare intenzionato, grazie alla tecnologia di VeChain, a seguire la strada di un sistema che possa incentivare gli automobilisti a ridurre le emissioni con un sistema di crediti. L'importanza della blockchain, in questo senso, è determinante, perché i dati raccolti dai sensori e strutturati da un algoritmo, vengono poi considerati affidabili e certificati.
Ed è proprio questo il compito carbon ecological platform. L'obiettivo della piattaforma è quello di far nascere nuove forme di fidelizzazione centrate su modelli di consumo consapevoli e più sostenibili. E farlo attraverso l'utilizzo di una innovazione come la blockchain può essere una strada sorprendete. Ma anche quello di promuovere stili di vita a bassa emissione di carbonio.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti