L'ALLARME DEL CEO Speth

Auto e Brexit, Jaguar Land Rover rischia perdite fino a 12 miliardi di sterline


default onloading pic
Ralph Speth. (Afp)

2' di lettura

In occasione di una conferenza a Birmingham e alla presenza della Premier Theresa May, l'Amministratore Delegato di Jaguar Land Rover, Ralph Speth, ha lanciato un nuovo allarme Brexit sul rischi di un'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea senza un accordo con quest'ultima. Secondo il CEO, nel caso di un taglio netto con Bruxelles e del conseguente ripristino della barriere doganali, la sua azienda potrebbe perdere nell'immediato 60 milioni di sterline al giorno fino ad un totale di 12 miliardi. E anche i posti di lavoro a rischio sarebbero decine di migliaia.

Speth ha scelto il primo vertice Zero Emission Vehicle (ZEV) a Birmingham per lanciare questo allarme, e - come riporta il magazine Autocar -lo ha fatto con molta chiarezza. «La Brexit entrerà in vigore il prossimo 29 marzo - ha detto durante il convegno - e al momento non so nemmeno se qualcuno dei nostri impianti nel Regno Unito sarà in funzione il giorno 30». Il timore è che la mancanza di chiarezza da parte del Governo di Londra sulla questione crei conseguenze pratiche sottovalutate fino ad oggi.

«Non saremo in grado di costruire auto - ha detto il CEO di JLR - se l'autostrada che ci collega con Dover diventerà un parcheggio, dove i veicoli che trasportano le parti fondamentali per i nostri processi sono fermi. Qualsiasi attrito ai nostri confini metterà a repentaglio la nostra produzione, al costo di60 milioni di sterline (67 milioni di euro, ndr) al giorno».

Speth ha anche detto che la demonizzazione del diesel è già costata 1.000 posti di lavoro alla JLR, e questo numero crescerà se la cosa prosegue. Ed ha evidenziato una forte preoccupazione per l'azione del Governo contro le auto diesel nuove, piuttosto che contro quelle più vecchie, da togliere dalle strade.

«Sono stati creati disincentivi sui modelli più nuovi e più puliti attraverso regolamenti più severi e una tassazione più elevata - ha detto Speth -, e questo ha un costo in posti di lavoro. Alla Jaguar Land Rover 1.000 persone sono state fatte uscire, con tutti gli effetti a catena sulle loro famiglie e sulla economia locale. Altri posti potrebbero andare persi in futuro». Il top manager ha invitato i governanti britannici a «concentrarsi su ciò che desideriamo costruire, piuttosto che su quello che desideriamo vietare».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...