LE MACCHINE

Auto elettriche, i modelli in arrivo e quelli in ritardo per il coronavirus

Sono molte le full electric attese ai blocchi di partenza quest'anno, ma loro avanzata in ogni settore dell'automotive si imbatte nell'emergenza Covid-19. Il virus non sconvolge solo il calendario dei loro debutti, ma frena forzatamente anche lo sviluppo dei modelli previsti per i prossimi anni. Per questo motivo le elettriche targate 2020 per un po' di tempo potrebbero rimanere le novità più recenti di questo settore

di Massimo Mambretti

default onloading pic

Sono molte le full electric attese ai blocchi di partenza quest'anno, ma loro avanzata in ogni settore dell'automotive si imbatte nell'emergenza Covid-19. Il virus non sconvolge solo il calendario dei loro debutti, ma frena forzatamente anche lo sviluppo dei modelli previsti per i prossimi anni. Per questo motivo le elettriche targate 2020 per un po' di tempo potrebbero rimanere le novità più recenti di questo settore


4' di lettura

Le nuove auto elettriche pronte a entrare in scena nel 2020 si prefiggono di diffondere in ogni settore la mobilità a emissioni zero, sebbene seguendo una programmazione che con molta cautela ipotizza un'offerta dettagliata e a costi meno alti rispetto ai giorni nostri tra il 2023 e il 2025. Però, adesso, il coronavirus cambia le carte in tavola sino al punto da fare prevedere, meno paradossalmente di quello che si può pensare, che il quadro originato dall'arrivo delle full electric targate 2020 non cambierà molto almeno nel medio termine.

Infatti, gli analisti prevedono che quest'anno le vendite globali di auto elettriche scenderanno dai 2,2 milioni di unità vendute nel 2019 ad appena 1,3 milioni. In altri termini caleranno del 43%. Quindi, se la diffusione dell'auto elettrica se la doveva già vedere sia con prezzi che non ne favorivano l'espansione su larga scala sia sull'insufficiente densità dei punti di ricarica e su forniture di energia ancora poco costanti (con quello che ne consegue per la durata dei tempi di rigenerazione delle batterie) adesso si scontra anche con due grossi e dannosi scogli.

Il primo è costituito dalla crisi che attanaglia l'intero settore automotive che comporta inevitabilmente la rimodulazione dei consistenti investimenti di Ricerca e Sviluppo dedicati a questa tecnologia, che paradossalmente potranno essere ridefiniti solo incrementando la vendita delle auto a benzina e gasolio. Il secondo è formato dalla difficoltà di reperire materie prime per la produzione delle batterie. Parliamo, quindi, principalmente del cobalto e del nichel, la cui scarsità ridimensionerà sensibilmente la disponibilità di accumulatori. Per questi motivi, per un po' di tempo la collezione 2020 delle full electric potrebbe essere la più recente presentata. E, adesso, vediamo, da quali modelli è composta.

Auto elettriche compatte in arrivo
I modelli di dimensioni più piccole sono quelli che, almeno oggi, si sposano meglio con i powertrain elettrici, perché sono rivolti essenzialmente all'uso cittadino o al cabotaggio extraurbano che arriva, al massimo, a poco più del corto raggio. In questo settore la primizia assoluta di questo settore è la Fiat Nuova 500, che doveva essere una delle star dell'annullato salone di Ginevra. La prima auto italiana nativa elettrica si aggiunge a modelli già presentati ma che negli showroom, vuoi per la programmazione vuoi per il virus maledetto, di fatto sono sono ancora fuori dagli showroom. Si tratta della Mini Cooper Se, della Opel Corsa e, della Peugeot e-208, delle Smart Eq Fortwo e Forfour nonché delle gemelle diverse Volkswagen e-up, Seat Mij Electric e Skoda Citigo iV.

Auto elettriche di taglia media in arrivo
Le nuove vetture full electric di dimensioni medie che si presentano adesso ai nastri di partenza non sono molte. Oltre alla Tesla Model 3 e alla Polestar 2 prima auto elettrica del brand green della Volvo che sono già in vendita, sebbene non ancora in circolazione in Italia a causa del coronavirus, stanno arrivando la Volkswagen Id.3 e, poi, la Seat EL Born. Quest'ultima, di fatto, non è altro che l'interpretazione del marchio spagnolo della consanguinea tedesca, dalla quale si distingue perché non è una berlina pura. Infatti, è il frutto di una concezione formale ispirata alla monovolume Altea, presentata nel 2003.

Auto elettriche di grande taglia in arrivo
Le ammiraglie a emissioni zero che dovrebbero vedere la luce nel 2020 sono poche. Si tratta della nuova generazione della Jaguar Xj, della quale è veramente difficile dire se interpreterà il suo ruolo in maniera classica o come si mormora con insistenza avvicinandosi ai territori dei crossover dato l'ermetico riserbo che avvolge la sua gestazione, e la Mercedes EqS. Quest'ultima, invece, non ripudierà il ruolo che le assegna la stirpe in cui si inserirà, come conferma la concpet car presentata al salone di Francoforte dello scorso anno. Intanto, in questo periodo nel settore delle auto di taglia Xl la casa della Stella già commercializza il van premium EqV.

Suv e crossover elettrici in arrivo
Le nuove ruote alte con powertrain alimentati unicamente dagli elettroni che vedremo quest'anno, o dovremmo vedere se il loro battesimo non slitterà nel 2021, al pari quelle ibride sono i piloni su cui poggia la diffusione su ampia scala della tecnologia full electric, dato il dilagante successo di questa tipologia di auto. Di conseguenza, l'elenco delle novità è ben più rispetto a quello di tutte le altre categorie. Lo schieramento parte da modelli di taglia compatta come la Dr Evo, la Peugeot e-2008 già in vendita ma inibita alla circolazione dall'emergenza Covid-19, la nuova generazione della Mokka X strettamente imparentata con la Peugeot. Ci sono poi modelli più robusti come la Lesux Ux, prima full electric del marchio premium del gruppo Toyota, e le già svelate Mazda Mx-30 e Volvo Xc40 Recharge, oltre alle annunciate Mercedes Eqa ed Eqb nonché Volkswagen Id.4. A queste proposte potrebbe poi aggiungersi il modello anticipato dalla concept Skoda Vision iV. Salendo ancora di taglia troviamo l'Audi e-tron Sportback, la Ford Mustang E-Mach e la Tesla Model Y.

Auto elettriche sportive in arrivo
Quest'anno si lasciano ammaliare dai powertrain alimentati unicamente dall'elettricità anche modelli molto sportivi e delle vere proprie hypercar. Fra le prime rientrano l'Audi e-tron Gt con 590 cv, che sotto le vesti è strettamente imparentata con la Porsche Taycan. Quest'ultimo, dal canto suo, nel 2020 mette su famiglia, grazie all'arrivo della Cross Turismo una shooting brake che ammicca ai suv. Fra le seconde entra di prepotenza la Lotus Evija che mette in campo la bellezza di 2.000 cv, preordinabile da questi giorni a un prezzo di 1,95 milioni di euro. Naturalmente tasse escluse.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti