AUTO

Nissan annuncia taglio di 12.500 posti di lavoro

default onloading pic
Il presidente e ceo di Nissan, Hiroto Saikawa (Afp)


2' di lettura

Nissan taglierà di 12.500 posti di lavoro entro marzo del 2023. Il gruppo parallelamente ridurrà del 10% la sua produzione. L’annuncio arriva oggi, giorno della diffusione ufficiale dei conti sul primo trimestre del 2019-20, ma già ieri il gruppo giapponese ha dovuto confermare le anticipazioni di stampa del quotidiano Nikkei che rivelavano un tonfo dell’utile operativo del 90 per cento. Nissan Motor sta lottando per riprendersi dalla turbolenze dopo l’arresto dell'ex presidente Carlos Ghosn. L'attuale amministratore delegato Hiroto Saikawa, in particolare, punta sulla riduzione dei costi nel tentativo di fronteggiare soprattutto il calo dei profitti negli Usa, diminuiti drasticamente negli ultimi due anni. Nissan impiega attualmente 140.000 persone in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE / Ford sconta la ristrutturazione: crollano gli utili

In particolare, l’utile netto di Nissan, partner della francese Renault, è crollato a 6,4 miliardi di yen, il fatturato è diminuito del 12,7% a 2.372,4 miliardi di yen, in un contesto di rallentamento negli Stati Uniti e in Europa. Nel periodo in esame, il gruppo ha venduto 1,23 milioni di veicoli (-6%), con un calo negli Stati Uniti (-3,7%), in Europa (-16,3%) e in Giappone (-2,6%). L'andamento fortemente negativo degli utili è stato influenzato, tra l'altro, da «fattori come i costi delle materie prime, le fluttuazioni dei tassi di cambio» e gli ingenti investimenti in tecnologia, ha spiegato Nissan in una nota. La casa automobilistica ha tuttavia mantenuto le sue previsioni per l’intero anno fiscale, puntando a un utile netto di 170 miliardi di yen (-46,7%) e un fatturato di 11.300 miliardi di yen (-2,4%). (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

LEGGI ANCHE / Tesla delude ancora: da gennaio il titolo ha perso il 22%

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti