Vendite in calo

Auto, settembre nero per le immatricolazioni: 50mila vetture in meno sul 2020

Le vendite il mese scorso sono calate di 50mila unità rispetto allo stesso periodo del 2020. Pesano ritardi su produzione e consegne

di Filomena Greco

La Bmw iX esposta al salone dell’Auto di Barcellona

2' di lettura

Un settembre nero per l’auto, con un crollo delle immatricolazioni del 32,7% sullo stesso mese del 2020 e un mercato fortemente condizionato dalle difficoltà produttive del settore, che dopo la pausa estiva ha ripreso la produzione a singhiozzo per la carenza di microchip. Un risultato che rappresenta un campanello d’allarme in una fase economica caratterizzata dal rimbalzo dei principali indicatori, nella quale il comparto automotive invece vede peggiorare performance e prospettive.

La frenata di settembre

Il dato di settembre scorso segna una frenata importante anche rispetto al risultato dello stesso mese del 2019, -26,2%, con Unrae, l’associazione dei produttori di auto esteri, che evidenzia come il dato complessivo dei nove mesi indichi nel complesso una perdita di oltre 300mila autoveicoli, con una flessione del 20,6% rispetto allo stesso periodo 2019.

Loading...

Il calo nonostante gli incentivi

La perdita di un terzo delle vendite sul mercato italiano a settembre, anno su anno, corrispondente a circa 50mila autovetture in meno, si è registrata, fa notare il Centro Studi Promotor, «nonostante dal 2 agosto scorso fossero ritornati in vigore, grazie ad un nuovo stanziamento di fondi, gli incentivi per le auto più richieste, quelle con emissioni comprese tra 61 e 135 grammi di CO2 al chilometro».

Crisi dei componenti

Nella complessa catena produttiva del settore auto ha pesato la riduzione dei programmi di produzione di microprocessori da parte dei player asiatici e la contestuale crescita della domanda di componenti nel settore dell’elettronica – computer portatili, tablet e smartphone - a ridosso della pandemia. Un meccanismo che ha fatto saltare un equilibrio delicato, penalizzando le forniture di microchip destinate al settore dell'auto, con fermi di produzione in tutto il mondo.

Tesla in crescita

Nel mese restano tutte in terreno negativo le vendite dei principali brand, con solo poche eccezioni come Tesla (da mille a quasi 1.500 unità vendute a settembre 2021 sull’anno prima), Land Rover, che cresce del 15% ma sempre su volumi limitati, accanto a Kia, Dr e Hyundai. Da inizio anno invece tutti i brand riescono a mantenere, nel periodo gennaio-settembre, un risultato positivo sul 2020 grazie ai recuperi dei mesi scorsi. Anche qui però ci sono delle eccezioni: Alfa Romeo, che perde il 27% di immatricolazioni in un anno, e Renault, che lascia indietro circa l’1% di vendite

La conseguenza principale, come rileva la stessa analisi congiunturale condotta dal Centro Studi Promotor a fine settembre, è stato il rallentamento delle consegne di autoveicoli nuovi ai dealer e una forte riduzione delle giacenze nelle concessionarie di auto pronte per la consegne, nel 96% dei casi, il triplo rispetto all’inizio dell’anno.

Gli incentivi spingono elettriche e ibride

Gli incentivi continuano a sostenere la forte avanzata dei modelli elettrificati: le ibride arrivano al 31,3% di quota (28,2% nel periodo gennaio-settembre). Le plug-in raggiungono il 5,2% (4,5% nei 9 mesi), mentre le elettriche pure (BEV) balzano all'8% di quota, raddoppiando la percentuale dell’intero periodo, da gennaio a settembre.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti