ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAutomotive

Auto, i sindacati di Psa approvano la fusione con Fca

Oggi c'è stato il comitato europeo sindacale del gruppo d'Oltralpe. Su 17 sigle sindacali, 15 hanno espresso un parere favorevole al "matrimonio" con il gruppo italo-statunitense. Nell'incontro è emersa la volontà di Psa di «arrivare rapidamente» alla firma del Memorandum of understanding

di Flavia Carletti


default onloading pic
(REUTERS)

3' di lettura

Psa ha incassato il via libera dei sindacati europei del gruppo al progetto di fusione con Fca. Dopo il sì all’unanimità del Cse (Comitato sociale ed economico) del 18 novembre scorso, questa mattina 15 sigle sindacali, sulle 17 presenti nel gruppo automobilistico francese in tutta Europa, hanno espresso il loro favore al “matrimonio” con Fiat Chrysler Automobiles. Come ha sottolineato Psa, si tratta dell’88% dei rappresentanti del lavoratori del gruppo. Solo Cgt ha manifestato la sua contrarietà al progetto, mentre il sindacato tedesco Ig Metall non ha preso posizione. «In parallelo, le squadre di Psa e Fca continuano il loro lavoro al fine di chiudere le trattative e un Memorandum of Understanding entro le prossime settimane», ha indicato la casa francese attraverso il suo account ufficiale su Twitter.

Peugeot vuole arrivare rapidamente alla firma dell'intesa
«Psa non ha indicato la data per la firma del memorandum of understanding, la prossima tappa per la costruzione di una sola società, ma ha rimarcato questa mattina la volontà di arrivare rapidamente a questo matrimonio» con Fca. È quanto indicato a Radiocor da Patrick Michel, segretario del Comitato europeo di Psa, che raccoglie i 28 rappresentanti sindacali dei dipendenti del gruppo francese in tutta Europa e che ha visto l’azienda rappresentata da Xavier Chereau, direttore risorse umane. Nel corso del comitato, «Psa ha dato rassicurazioni sul progetto di fusione» con Fca, ha spiegato Michel. «Commercialmente, la complementarietà delle gamme prodotto delle due società è dimostrata» così come «dal punto di vista strategico anche la complementarietà dei due mercati mondiali di riferimento è dimostrata», ha continuato il sindacalista di Force Ouvriere, primo sindacato nel gruppo francese. A livello finanziario, «Psa ha provato la buona salute dei due gruppi», mentre sul fronte dei lavoratori, «Psa si impegna a mantenere gli investimenti già previsti in tutti gli stabilimenti europei», ha aggiunto il sindacalista, sottolineando di «conservare una opinione positiva di questa operazione. Resto ottimista e credo che questo matrimonio porterà benefici a entrambe le società».

Nessun commento su causa di Gm a Fca, non emerse preoccupazioni
La questione della causa avanzata da Gm negli Stati Uniti contro Fca, ha aggiunto Frederic Lemayitch del sindacato Cftc in un colloquio con Radiocor, è stata sollevata al tavolo e «la direzione di Psa è stata molto chiara su questo punto, sottolineando che non fa alcun tipo di commento». Ad ogni modo, ha continuato il sindacalista, «non è emersa preoccupazione» su questo particolare aspetto. «Con l'incontro di oggi è terminata la fase obbligatoria di consultazione sindacale» prevista in Francia, ha aggiunto Lemayitch, ricordando che ora «il prossimo passo è la firma dell'accordo» tra le due società e poi si stima «che ci vorranno 10-12 mesi per portare a termine la fusione, considerando anche se serviranno le autorizzazioni antitrust di alcuni dei Paesi dove i due gruppi operano».

Sindacato chiede nuovo incontro dopo Mou su dettagli
Nel contesto del comitato, il sindacato Cfe-Cgc - secondo all'interno del gruppo Psa - ha chiesto che un incontro in tempi rapidi e una presentazione dettagliata subito dopo la firma del Memorandum of understanding tra i due gruppi. Anh-Quan Nguyen, delegato sindacale centrale Cfe-Cgc di Psa, ha indicato in una nota che nell'incontro di questa mattina, la direzione aziendale di Psa ha ripetuto al comitato europeo la stessa presentazione fatta il 18 novembre scorso al Comitato sociale ed economico.

In particolare sono stati affrontati come temi: l'attività degli stabilimenti di Psa e i lavoratori; le sinergie finanziarie; la causa di Gm negli Usa contro Fca; il futuro di Faurecia (la società di componentistica partecipata da Psa); dettagli sulla sede nei Paesi Bassi della holding di controllo dei due gruppi; i marchi Psa e Fca; i crediti di C02 che Fca ha comprato da Tesla; le sinergie in Ricerca e Sviluppo; l'elettrificazione; la futura politica in tema di risorse umane.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...