nuovo vertice giovedi

Autonomie, nodo istruzione: da M5S no ad assunzioni dirette dei docenti

Si è concluso dopo oltre tre ore il vertice sulle autonomie differenziate a Palazzo Chigi, ma sull’istruzione non si sarebbe ancora trovato l’accordo


default onloading pic
(Ansa)

2' di lettura

Dopo oltre tre ore si è concluso a Palazzo Chigi il vertice sulle Autonomie regionali. Alla riunione, oltre ai ministri competenti e al premier Giuseppe Conte, hanno partecipato i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, ma al di là dei commenti positivi da parte dei leader, restano ancora nodi da sciogliere. Primo fra tutti quello dell’istruzione, con i Cinquestelle che sarebbero contrari all’assunzione diretta degli insegnanti. Per giovedì è convocata una nuova riunione.

«Si fanno dei passi avanti, ma c'è ancora molto da fare», ha detto Di Maio commentando l’esito dell’incontro. «Il vertice? È andato bene», ha dichiarato dal canto suo Salvini, che oggi ha firmato anche una nuova direttiva in tema di scorte. In un anno ci saranno 49 dispositivi in meno, con 203 agenti assegnati ad altri servizi e un taglio contestuale di auto blindate. «Tuteleremo solo chi è davvero a rischio», ha detto il leader della Lega. «Abbiamo trovato dei punti di incontro, ci sono stati passi avanti in materia di salute, ambiente e anche lavoro», ha commentato la ministra per gli Affari regionali Erika Stefani, che sui tempi della riforma assicura: «andiamo avanti a oltranza finchè non si chiude». E
sulla possibilità che la riforma sia emendabile o meno nelle commissioni e in Aula, Stefano spiega che «il Parlamento deve essere principe e padre della riforma e sarà prerogativa dei presidenti della Camera e del Senato decidere quali saranno le modalità di discussione».

M5s: no ad assunzione diretta prof
Sarebbe stato proprio il nodo istruzione, a quanto si apprende, ad emergere nel corso dell’incontro: in particolare, è stato affrontato l'articolo 12 dello schema della riforma, dedicato all'assunzione diretta dei docenti e ai concorsi regionali. Punto, quest'ultimo, che non vede d'accordo il M5S, in quanto - è la posizione pentastellata - il rischio è di recar danno alle Regioni istituendo scuole di serie A, B e C con la possibilità di incappare inoltre nell'incostituzionalità della norma.

M5s: fiduciosi su Lep e fondi perequazione
In ogni caso, fonti del M5S «fanno trapelare ottimismo e fiducia sull'ipotesi di trovare la quadra» sul dossier in materia di autonomia, rispetto a quanto è emerso al vertice di oggi a Palazzo Chigi. Le stesse fonti sottolineano che l'accordo partirebbe «da una proposta più equilibrata, livellata in base a due principi cardine. Il primo è l'individuazione dei livelli essenziali delle prestazioni, ovvero i Lep: livelli di servizi che devono essere garantiti ad ogni italiano indipendentemente da dove vive. Il secondo riguarda il Fondo di Perequazione: una volta trasferita una quota di gettito alla Regione, se la situazione economica dello Stato dovesse cambiare è necessario che parte del maggiore gettito venga indirizzata alle altre Regioni, proprio per garantire medesimi servizi ad ogni italiano».

In stand by intesa su Autostrade e Ferrovie
Sarebbe rimasta poi in stand by, a quanto si apprende, un'intesa sul tema delle concessioni autostradali e ferroviarie in merito al dossier sulle Autonomie. L'esclusione di Ferrovie e Autostrade dalle concessioni da dirottare alle Regioni è caldeggiata dal M5S, ma l'accordo non è stato ancora trovato. Sul tema, affrontato nel corso del vertice di oggi, sono stati espressi dei «punti di vista tecnici», ha spiegato la ministra Stefani.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti