ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRincari in vista per i pedaggi

Autostrade, Tomasi (Aspi): previsto aumento tariffe 1,5%

Aspi in una nota ha precisato che l’aumento delle tariffe autostradali è ancora in fase istruttoria e non è stato ancora deciso dalle istituzioni competenti

Autostrade, Roberto Tomasi (Aspi): Previsto aumento tariffe 1,5% da fine giugno

2' di lettura

«Prevediamo un aumento delle tariffe autostradali, intorno all’1,5%, parliamo veramente di poco, ne stiamo discutendo in questa fase con il ministero. Sarebbe previsto dal piano economico finanziario a partire da fine giugno-luglio di quest’anno. Ricordo che le nostre tariffe sono rimaste bloccate a partire dal 2018». Lo ha detto Roberto Tomasi, ad di Autostrade per l’Italia, a margine del seminario “La rete del futuro. Aspi dialoga con il territorio” dedicato al piano di potenziamento e ammodernamento della rete autostradale in Toscana. L’incontro si è tenuto nella sede della Regione Toscana a Firenze.

Aspi: revisione tariffe ancora in fase istruttoria

A seguire Aspi in una nota ha precisato che l’aumento delle tariffe autostradali è ancora in fase istruttoria e non è stato ancora deciso dalle istituzioni competenti. E ha spiegato che il rincaro non sarebbe conseguenziale all’aumento dei costi dei materiali

Loading...

In 2022 incremento costi materiali 20-30%

È stato sempre Tomasi a dichiarare che quello dei rincari di energia e materie prime è «un problema serio. In questi primi sei mesi noi abbiamo avuto un incremento importante in termini di costi dei materiali che varia dal 20 al 30% mediamente, poi ci sono voci di prezzo con incrementi superiori anche a questo». «Ma non può essere un meccanismo col quale blocchiamo i nostri investimenti - ha aggiunto .- Anzi, dobbiamo continuare a investire nella speranza che poi ci sia anche un elemento speculativo in questa fase che possa in qualche modo rientrare, non possiamo non pensarlo».

Piano da 7 miliardi euro di investimenti in Toscana

Dall’incontro è emerso che Autostrade per l’Italia ha un piano di investimenti in Toscana di quasi 7 miliardi di euro di cui circa 6,5 destinati alle nuove opere. Sono già stati ultimati lavori per 4 miliardi, con un lavoro complessivo di oltre 45 milioni di ore che non si è fermato nemmeno durante i lockdown per la pandemia da Covid. Il piano di potenziamento ha riguardato 80 km di rete toscana e in questo momento prosegue su ulteriori 49 km, in attesa che si concludano gli iter approvativi per le restanti opere previste. Autostrade per l’Italia ha spiegato che proseguono i cantieri per la riqualifica delle carreggiate originarie della A1 tra Barberino e Firenze Nord, che avranno una durata complessiva di circa 30 mesi. Sempre in A1, stanno per partire i lavori di potenziamento di circa 12 km tra Firenze Sud e Incisa. È in fase di approvazione il progetto per la terza corsia per ulteriori 18 km di lunghezza, in parte in sede e in parte in variante di tracciato, fino al Valdarno, per un valore complessivo di oltre 600 milioni. Sono previsti 40 mesi per portare a termine la realizzazione della terza corsia della A11 tra Firenze e Pistoia: un intervento di circa 600 milioni, per cui la cantierizzazione già avviata entrerà in autunno nella fase intensiva del cronoprogramma.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti