i risultati presentati allo spallanzani

Avanza il vaccino italiano di Reithera, superata la prima fase della sperimentazione

Dopo 28 giorni dalla vaccinazione oltre il 94% dei soggetti nella fascia d'età 18-55 anni vaccinati con una sola dose ha prodotto anticorpi.

di An.Ga.

Covid, Biontech: "Servono altri vaccini, i nostri non bastano"

Dopo 28 giorni dalla vaccinazione oltre il 94% dei soggetti nella fascia d'età 18-55 anni vaccinati con una sola dose ha prodotto anticorpi.


2' di lettura

Un vaccino anti-Covid sicuro e che induce una risposta immunitaria robusta e con adeguato profilo di risposta. È quanto emerge dai dati della fase 1 della sperimentazione clinica di GrAd-CoV-2, il candidato vaccino italiano di ReiThera, la società biotech di Castel Romano alle porte della Capitale che collabora con lo Spallanzani di Roma allo sviluppo del vaccino made in Italy. La sperimentazione è stata effettuata nei soggetti sani di età tra i 18 e i 55 anni. Ora proseguirà per indagare le risposte in soggetti in buona salute tra i 65 e gli 85 anni. I risultati dello studio dovrebbero consentire la selezione della dose di vaccino per proseguire con la Fase 2 e 3. «Puntiamo a sviluppare 100 milioni dosi di vaccino per anno. Il vaccino è stabile ad una temperatura tra 2 e 8 gradi» ha spiegato la presidente dell'azienda Reithera sviluppatrice del vaccino italiano, Antonella Folgore, alla presentazione dei risultati della Fase 1 allo Spallanzani.

Ippolito: vaccino ReiThera sicuro, picco risposta a 4 settimane
«Abbiamo arruolato 100 persone e 45 sono state vaccinate con dosi diverse e tutti sono arrivati alla fine per la valutazione di sicurezza: il vaccino non ha avuto alcun avvento avverso grave nei primi 28 giorni dalla vaccinazione, un risultato migliore rispetto a Moderna e Pfizer che hanno avuto effetti indesiderati. Il picco di produzione di anticorpi a 4 settimane resta costante ed il vaccino è ad una sola dose» ha detto il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito. Dopo 28 giorni dalla vaccinazione oltre il 94% dei soggetti nella fascia d'età 18-55 anni vaccinati con una sola dose ha prodotto anticorpi. «Comparando i dati di questo studio con Moderna e Pfizer - ha aggiunto Ippolito - siamo in linea e ci aspettiamo la capacita del vaccino di prevenire la malattia sostanzialmente come gli altri vaccini. Il protocollo lo sottometteremo alle agenzie regolatorie in tempi brevi e ipotesi è di chiudere fase 3 entro l'estate». E ancora: «Vediamo che con una singola dose abbiamo risultati assolutamente in linea. Ma quale sarà il dosaggio finale lo decideremno alla fine di tutte le fasi di sperimentazione».

Loading...

Speranza: incoraggianti risultati vaccino ReiThera
«Se si confermeranno i dati ottenuti finora avremo nei prossimi mesi un vaccino efficace e sicuro con una sola dose invece che con due dosi. Sarà prodotto interamente nel nostro Paese. È importante continuare ad investire sulla ricerca italiana e sulle sue eccellenze scientifiche». Queste le parole del Ministro della Salute, Roberto Speranza, alla presentazione dei risultati del vaccino ReiThera all'ospedale Spallanzani.

Arcuri: con ReiThera Italia cerca indipendenza su vaccini
«Proviamo a raggiungere una qualche indipendenza anche nella dotazione dei vaccini» ha sottolineato Domenico Arcuri, commissario straordinario per l'emergenza Covid-19. «Il Governo ha destinato risorse sufficienti a finanziare lo sviluppo successivo della sperimentazione di ReiThera - ha aggiunto-. Il Governo, tramite una società pubblica, entrerà in ReiThera anche con una operazione di equity, e i contratti di sviluppo serviranno a finanziare la ricerca e una stabilizzazione incrementale della produzione». Nel decreto agosto sono stati infatti stanziati 380 milioni gestiti dal commissario Arcuri che consentono appunto allo Stato di entrare nel capitale sociale di aziende che producono vaccini e terapie anti-Covid.




Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti