AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùaerospazio

Il razzo Vega cade nell’oceano e Avio crolla in Borsa

di Chiara Di Cristofaro

default onloading pic

2' di lettura

Il lanciatore Vega, per la prima volta nella sua storia di tutti successi, non ha completato una missione: immediata la reazione del titolo Avio in Borsa, fermato in asta di volatilità a -12,17% a 12,56 euro. «A circa due minuti dal decollo del lanciatore Vega, si è verificata un’anomalia poco dopo l'accensione del secondo stadio (Zefiro 23), che ha portato alla conclusione prematura della missione», recita una nota, aggiungendo che «sono in corso analisi dei dati per chiarire le ragioni di quanto accaduto».

Il razzo Vega ha perso la traiettoria pochi minuti dopo il lancio mercoledì notte nella Guyana Francese ed è caduto nell'Oceano Atlantico, distruggendo così il satellite di sorveglianza di Airbus che doveva portare in orbita per gli Emirati Arabi Uniti. Arianespace è il service provider che aveva in carico la missione. Vega, acronimo di Vettore europeo di generazione avanzata, è prodotto da Avio e sviluppato in collaborazione dall'Agenzia spaziale italiana e dall'Agenzia spaziale europea per il lancio di piccoli satelliti. Nelle prossime ore verrà istituita una commissione di inchiesta indipendente, per chiarire se si sia trattato di un problema tecnico o di un errore umano.

Si trattava del 15esimo lancio del razzo prodotto da Avio, il primo insuccesso dopo 14 voli senza mai alcun problema. Il fallimento non dovrebbe comportare costi diretti visto che, spiegano gli analisti di Equita, «la responsabilità di Arianespace e le polizze assicurative coprono i costi». Per Avio i rischi consistono «in minor potere contrattuale per future negoziazioni (che riteniamo probabile), ritardi nella produzione e programmazione dei lanci e costi non ricorrenti qualora siano necessarie correzioni dello Zefiro 23 (in funzione dell`esito dell`indagine)», sottolinea Equita.

L`impatto negativo sarà quantificabile solo quando la commissione completerà l`indagine. «Escludiamo - dicono gli analisti - il worst case con lunghi ritardi essendo stato un lanciatore di successo fino a questo volo. Da sottolineare anche che secondo lo schedule previsto lo Zefiro 23 verrà sostituito da marzo dell`anno prossimo con lo Zefiro 40 previsto nella nuova configurazione di Vega C». Equita ha un giudizio buy sul titolo con target price a 16,8 euro.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...